Una targa commemorativa sarà affissa a Sanremo per ricordare il 55° anniversario dell’esibizione della famosa cantante polacca Anna German alla 17a edizione del Festival della Canzone Italiana, che si svolse nel gennaio del 1967. La German, scomparsa nel 1982 e unica cantante polacca ad essersi esibita finora alla kermesse canora sanremese, presentò sul palco del Casinò di Sanremo il brano “Gi” insieme a Fred Bongusto. Questa commemorazione è stata ideata dall’associazione italo-polacca Totus Tuus, in collaborazione con l’associazione italiana Ifimedia, e finanziata dal governo della Repubblica di Polonia con il patrocinio dell’Ambasciata di Polonia in Italia. La targa, realizzata dalla ditta Giuliano Marmi di Sanremo, sarà affissa nel cortile della chiesa della Madonna Nera di Czestochowa (corso Matuzia 3, Sanremo).

All’inaugurazione, prevista per sabato 19 novembre alle ore 15, interverranno mons. Antonio Suetta, vescovo di Ventimiglia-Sanremo, Anna Maria Anders, ambasciatrice di Polonia in Italia, e Aleksandra Zapotoczny, presidente dell’associazione Totus Tuus. Alla cerimonia saranno presenti anche altri ospiti: Anna Kurdziel, consigliere dell’ambasciata di Polonia a Roma; Aldona Michalak, direttrice del Festival della canzone “Anna German” di Varsavia; Margherita Graczyk, direttore d’orchestra che ha partecipato a diversi Festival di Sanremo, anche vincendo nel 2006 con Povia e il brano “Vorrei avere il becco”; Alessandro Materazzi, direttore dell’Hotel Miramare The Palace di Sanremo; don Vincenzo Zito, rettore della chiesa della Madonna Nera di Czestochowa a Sanremo. Previsto un omaggio musicale da parte della Filarmonica “Karol Szymanowski” di Cracovia. E’ stato anche invitato il sindaco di Sanremo, Alberto Biancheri.

“Sono un’appassionata delle canzoni di Anna German, che mi hanno accompagnato per tutta la mia vita”, ha dichiarato l’ambasciatrice Anders. “La musica è stata sempre presente perché anche mia madre era una cantante. In questa visita a Sanremo, la città della canzone italiana, mi inchino davanti a queste due artiste: Anna German e mia mamma Renata Bogdanska. Lei ha attraversato l’Italia insieme a mio padre, il generale Wladyslaw Anders, e per questo nel suo repertorio si trovano anche canzoni italiane. Oggi il destino unisce queste due artiste e per me ciò è molto commuovente”.

“Per anni sono stata l’unica giornalista polacca accreditata al Festival di Sanremo, che fu fatto conoscere in Polonia proprio da Anna German nel 1967”, ha detto la presidente Zapotoczny. “Dopo oltre mezzo secolo, però, mancava ancora una traccia della nostra artista che aveva calcato questo palcoscenico. Anche il luogo dove sarà affissa la targa commemorativa non è casuale: la chiesa della Madonna Nera di Czestochowa a Sanremo è stata edificata nel 1914 per iniziativa di un canonico lituano, che si ispirò al nostro famoso santuario mariano nazionale. I turisti polacchi che visiteranno Sanremo potranno trovare così una traccia della fede, dell’arte e della musica della nostra Polonia”.

 

Articolo precedenteUn terzo, al “Monzino”, che non soddisfa De Antoni
Prossimo articolo“Sintomi di felicità” diventa un audiolibro