Lo si era già capito dalla recente apparizione all’Halloween, di inizio Novembre, che l’esordio di Andrea Scalzotto nella categoria maggiore non sarebbe stato un episodio isolato, quanto più un’uscita mirata all’arrivo della gara di casa.

Il trentunesimo Rally Città di Schio bussa alla porta ed il pilota di Cornedo Vicentino risponde presente, sognando di ben figurare all’interno ad una vera e propria gabbia di leoni.

Dopo aver rotto il ghiaccio all’ombra del Monte Titano il portacolori di Funny Team tornerà al volante della Citroen C3 Rally 2 di Baldon Rally, chiamato al confronto con piloti del calibro di Avbelj e Rossetti, ai quali aggiungere tanti nomi noti del rallysmo regionale come Lovisetto, Andriolo, Bianco, Sossella, Battaglin, Romagna e molti altri alla caccia di un posto al sole.

“Dire che la classe è affollata è poco” – racconta Andrea Scalzotto – “ed oltre ad essere in tanti, sfioriamo i trenta partenti, ci sono piedi davvero pesanti. Dal vincitore dell’IRC di quest’anno ad un ex campione italiano ed a tanti forti piloti della zona. Questo conferma che la piazza di Schio è ambita, è una gara attesa da molti e sono estremamente felice di poterci essere pure io.”

Una partecipazione senza particolari velleità di alta classifica, con la consapevolezza di dover macinare parecchi chilometri per poter arrivare ad essere competitivi a questi livelli.

“Dobbiamo usare la testa” – sottolinea Andrea Scalzotto – “e cercare di arrivare alla fine perchè solo così facendo potremo maturare ulteriore esperienza con questa vettura. Certo, daremo il massimo ma non vogliamo commettere errori. Sarà interessante vedere dove potremo collocarci, a livello di tempi, in mezzo a così tanti validi avversari. Non vediamo l’ora di iniziare.”

Al fine settimana del pilota della vettura del double chevron, affiancato nell’occasione da Nicola Rutigliano, si unirà anche il quartogenito di famiglia, Marco Scalzotto, che ritornerà al volante della pluridecorata Suzuki Swift R1, in coppia con Roberto Penzo, per riprendere quel discorso che si è interrotto bruscamente, dopo un buon avvio, sulle strade sammarinesi dell’Halloween.

“Non sarò l’unico al via” – aggiunge Andrea Scalzotto – “ed anche il mio fratellino Marco sarà della partita a Schio. Dopo il ritiro dell’Halloween mi auguro che possa arrivare alla fine perchè so quanto ci tiene a correre nella gara di casa nostra. Avrà tutto il tempo per crescere.”

Una sola giornata effettiva in programma, quella di Sabato 19 Novembre, dove i concorrenti saranno chiamati ad affrontare una sessantina circa di chilometri cronometrati, ad iniziare dalla doppia tornata su “Santa Caterina” (10,98 km), “Pedescala” (7,38 km) e “Treschè Conca” (6,11 km), concludendo il tutto con un ultimo passaggio sulla speciale di apertura che, alla luce delle fanaliere supplementari, avrà il compito di decretare vincitori e vinti di questa edizione.

 

 

Articolo precedenteNausicaa Dell’Orto ambasciatrice flag nel mondo
Prossimo articoloJolly Racing Team sul podio “Rally4” del Rally delle Marche