Esordio più che positivo sui duri ed insidiosi sterrati del San Marino Rally per Laura Callegaro, reduce da un fine settimana più che formativo per la sua crescita.

La pilota di Campodarsego, in campo per i colori di Motus Group, si è resa protagonista di una buona e costante crescita, in mezzo a tanti leoni dotati di maggiore esperienza sulla terra.

Dopo un buon shakedown il primo giro di speciali nell’unica giornata di gara, quella di Sabato scorso, vedeva la portacolori del sodalizio di Milano, in coppia con Simone Brachi su una Peugeot 208 R2 di Baldon Rally, compiere un significativo balzo per essere al debutto qui.

Uscita dalla prima “Terra di San Marino” con il cinquantacinquesimo tempo assoluto la giovane patavina riusciva, al termine del primo giro, a recuperare dieci posizioni nella generale ed a chiudere con un buon quarantacinquesimo assoluto, dodicesimo di RC4N e decimo di Rally 4.

Il progressivo scavarsi del fondo le rendeva la vita difficile ma, nonostante qualche posizione persa in classifica, il secondo passaggio si rivelava comunque utile per il suo apprendistato.

Ripartita dalla service area con il cinquantesimo nella generale, il quattordicesimo di gruppo ed il dodicesimo di classe, la Callegaro riprendeva il giusto filo del discorso, mettendo in cascina il quarantaseiesimo assoluto finale, l’undicesimo di gruppo RC4N ed il nono in classe Rally 4.

“Dallo shakedown all’ultima speciale abbiamo migliorato” – racconta Callegaro – “ed abbiamo maturato sempre maggiore confidenza con la vettura. Una Peugeot 208 R2 che si è comportata molto bene su questo fondo, particolarmente duro ed insidioso. Il team Baldon Rally ci ha supportato al meglio, sia nella scelta delle gomme che in tutti gli altri aspetti. Credo sia stata una delle gare più difficili, a livello di prove, che ho mai affrontato, pur avendo un bagaglio di sole dieci presenze. Siamo soddisfatti e, senza qualche tempo imposto, avremmo potuto anche fare di meglio ma va comunque bene così. Ora concentriamoci sul nostro futuro.”

Un giro di boa significativo per la Callegaro, capace sia di rafforzare la leadership tra le dame nel Campionato Italiano Rally Terra, avendo chiuso quarta all’ombra del Monte Titano, ma anche incassando punti utili per le giovani promesse del futuro con una provvisoria di Under 25 che la vede al secondo posto, in coabitazione con altri tre concorrenti, a meno sette dal primo.

Una fotografia più che promettente per un domani che risulta essere particolarmente incerto.

“Prima di tutto vorrei ringraziare Motus Group” – aggiunge Callegaro – “perchè ci ha dato un importante supporto per questo San Marino. Grazie anche a Baldon Rally che, come sempre, ci ha messo a disposizione una vettura al top. Grazie anche a tutti i partners che hanno reso possibile l’inizio di questa avventura. Siamo messi bene in campionato, sia nel femminile che nella classifica Under 25. Per quanto riguarda i prossimi impegni è ancora tutto da decidere. Molto dipenderà dal budget che avremo a nostra disposizione ma ci piacerebbe poter continuare questo percorso sulla terra, puntando a migliorare ad ogni singola trasferta.”

Articolo precedenteRoma, piazza Vittorio, apre il villaggio dello sport
Prossimo articoloBaseball, Haarlem Week, l’Italia chiude con un sesto posto