Presentata oggi a Roma la mostra “In Viaggio con la Storia del calcio” che aprirà i battenti ad Ostia presso il Roma Hostel di Lungomare Toscanelli, sabato 12 gennaio, i taglio del nastro è previsto per le 11.00, e resterà visitabile dal pubblico fino a domenica 27 gennaio. L’evento itinerante arriva nella Capitale grazie alla Direzione Nazionale dell’ Aics, con il contributo organizzativo di Aics Lazio e Aics Roma. Quella di Ostia è la 13^ tappa di un lungo viaggio, in lungo e largo per la penisola che ha fatto registrare già oltre 20000 visitatori.

Alla conferenza stampa hanno preso parte il presidente nazionale dell’Aics Bruno Molea, i curatori della mostra Renato Mariotti e Luigi Carvelli; Monica Zibellini e Massimo Minicucci, presidente e vice presidente di Aics Roma e Massimo Zibellini presidente di AICS Lazio, che hanno curato l’organizzazione dell’evento di Ostia; Fabrizio Grassetti, presidente dell’Unione Tifosi Romanisti, Mario Notari di Lazio 100 che hanno allestito le due sezioni speciali riservate a Roma e Lazio; Ciro Turco, presidente onorario AICS.

In “Viaggio con la Storia del calcio” , come è stato illustrato oggi nel corso dell’incontro è una grande ed unica esposizione di cimeli della storia dei Mondiali dal ’30 ad oggi e delle maglie dei campioni del passato, una splendida e tangibile testimonianza che ripercorre oltre novant’anni di storia del calcio internazionale con oltre duemila pezzi originali che raccontano le origini del football dagli inizi del novecento ad oggi. Tra il materiale esposto alcune chicche, tra cui il pallone usato nella prima partita internazionale giocata (quella tra Scozia e Inghilterra del 1872), i modelli di palloni e scarpini utilizzati nel primo Mondiale di calcio del 1930, e le maglie autentiche di campioni del calibro di Cruijff, Maradona, Pelé e Falcao. L’iniziativa, nasce dall’esigenza di creare un punto di riferimento e di ritrovo per tutti gli appassionati e gli sportivi d’Italia: un centro d’eccellenza nel quale si possa rivivere la storia dello sport più amato al mondo e riscoprirne i veri valori. La mostra, che l’Associazione Italiana Cultura Sport ha portato in giro per la penisola con il sostegno dell’Istituto per il Credito Sportivo, è curata dai collezionisti del Museo del calcio internazionale Renato Mariotti e Luigi Carvelli. La prestigiosa raccolta avrà il merito di raccontare non solo la storia dello sport più seguito al mondo, ma anche quella del nostro Paese e i suoi costumi, e del ruolo del calcio nella storia d’Italia.

Un’occasione imperdibile per bambini, ragazzi e famiglie in cui scoprire eroi e personaggi del calcio e rivivere le emozioni delle sfide più intense o delle vigilie più appassionate in modo da mantenere viva la memoria sportiva italiana. Nel corso delle due settimane di apertura saranno organizzate visite guidate per i giovani atleti delle scuole e delle scuole calcio del territorio. L’ingresso all’esposizione sarà gratuito per tutti i visitatori.

La tappa romana della mostra, che si avvale del Patrocinio della Regione Lazio e del X Municipio, sarà inaugurata sabato 12 gennaio alle ore 11.00 alla presenza del Presidente Nazionale Aics Bruno Molea, del Presidente del X Municipio Giuliana Di Pillo e dall’Assessore allo Sport e Cultura Silvana Denicolò, di Roberto Tavani in rappresentanza della Presidenza della Regione Lazio, Svetlana Celli e Giovanni Zannola in rappresentanza di Roma Capitale.