Il Biarritz Olympique Pays Basque, club basco di rugby che milita nel campionato francese Pro D2, e Macron, partner tecnico dei biancorossi, hanno presentato le nuove maglie ‘Home’ e ‘Away’ che ai colori tradizionali e ai simboli dell’identità basca abbinano ormai da anni la texture grafica “THE BO FAMILY”, la “charge graphique” adottata dal club e utilizzata in tutte le forme di comunicazione che lo riguardano.

La nuova ‘Home’ è nel tradizionale abbinamento rosso e bianco. Le spalle, la parte alta del petto e le maniche in rosso, il corpo centrale, fronte-retro, è bianco. Il collo ha bordi bianchi e nella parte finale del colletto è inserita la bandiera basca, l’“Ikurrina”. Il backneck è personalizzato con un’etichetta a fondo rosso con il disegno della croce basca, il nome e logo del club, il motto basco “Aupa BO” e il nome Audrey, in memoria della CFO della società, scomparsa prematuramente. Al centro del petto, in bianco, è ricamato il Macron Hero, logo del brand italiano, a sinistra, sempre in bianco, lo stemma del Biarritz Olympique Pays Basque. L’intera maglia è caratterizzata dalla gioiosa e ormai iconica grafica, tono su tono, “THE BO FAMILY” e sul fondo maglia anteriore, a sinistra, è inserita una patch che celebra il ventennale del titolo nazionale conquistato dal Biarritz l’8 giugno 2002 allo Stade de France di Parigi battendo l’Agen 25-22. Sul fondo maglia posteriore, in stampa sublimatica, è inserito il disegno del “lauburu”, la croce basca.

La versione ‘Away’ è nera con inserti gialli sulle spalle, sul petto e sui fianchi. Il collo ha bordi gialli e dello stesso colore è anche l‘Ikurrina inserita nella parte finale del colletto. Come per la versione Home, la maglia è caratterizzata dalla personale grafica adottata dal club basco che si sviluppa, tono su tono, nella parte anteriore e sulla parte centrale della schiena. In giallo sul petto sono anche il Macron Hero e lo stemma del club basco, in basso a sinistra la scritta nella patch celebrativa dei 20 anni dal titolo vinto nell’estate 2002 e nella parte bassa posteriore la stampa con la croce basca, il “lauburu”.

Articolo precedenteSale l’attesa per il 35° Rock Master di venerdì ad Arco
Prossimo articoloIl Premio Rally Automobile Club Lucca ai migliori del 2021