Una Roma Volley che non ti aspetti viene battuta nella quinta giornata di ritorno della serie A3 Credem Banca dalla BCC Leverano, ultima in classifica, per 3-2. Una sconfitta pesante, che brucia per la classifica e il morale, una battuta d’arresto di quelle impreviste, soprattutto in casa. Secondo ko interno stagionale per la squadra di Budani che non perdeva al PalaHoney dal 3 novembre 2019 con Grottazzolina. Una partita che dopo una partenza razzo (25-16) ha sancito l’uscita dal campo dei giallorossi in sofferenza nel secondo e terzo set. Leverano ha fatto sfogare Rossi e compagni e indotto all’errore, Roma male in difesa, in ricezione e contrattacco. Leverano si è limitata dal secondo ad amministrare e colpire dalle bande. Così nella parte finale del terzo set uno scatto d’orgoglio sul 22-21, poi l’ennesimo passaggio a vuoto e parziale di 3-0, Leverano vola sul 24-22 e chiude. Nel quarto controllo del match, poi dal 18-14 l’allungo e la chiusura sul 25-17. Tutto faceva presagire a un quinto set a mille e invece pronti via di nuovo sotto (8-3), Leverano poi dall’8-6 ha preso il largo e chiuso senza problemi, una squadra insidiosa che ha preso coraggio grazie a una Roma permissiva e poco determinata e concreta in contrattacco.

Se si vuole perseguire l’obiettivo playoff e rimanere nelle zone non si possono perdere queste occasioni. L’analisi del tecnico Mauro Budani: “Dobbiamo farci un grande esame di coscienza perchè queste sono le partite più pericolose. Dopo un buon primo set, non siamo riusciti nei set successivi a cambiare passo, il fattore più preoccupante è la mentalità. Il problema grande è stato la gestione dei palloni di contrattacco, abbiamo murato di più e fatto più ace. Sono amareggiato, è una questione di cattiveria e atteggiamento, loro sono stati bravi, si sono meritati la vittoria. Se vogliamo rimanere in alto dobbiamo capire che le partite durano tre o più set”. Ora due settimane di stop, prossima domenica turno di riposo per tornare in campo a Corigliano il 26 febbraio.