ItalcanottaggioRio
ItalcanottaggioRio

Tre imbarcazioni qualificate per le semifinali su tre in gara: questo il bottino per la squadra azzurra al termine della prima giornata di regate olimpiche disputata a Rio sul bacino del Lagoa Rodrigo de Freitas. Ad aprire la serie positiva per l’Italia, il due senza di Giovanni Abagnale e Marco Di Costanzo che, grazie ad un’ottima partenza e ad un eccellente passo di gara, si è classificato al secondo posto alle spalle degli imbattibili neozelandesi Murray e Bond. Insieme a Italia e Nuova Zelanda, qualificate per le semifinali anche Ungheria, Australia, Sud Africa, Repubblica Ceca, Francia, Gran Bretagna e Romania.

La seconda barca azzurra a passare il turno è stato il doppio di Francesco Fossi e Romano Battisti che, dopo aver domato sia gli avversari che il lago che in quel momento era ancora più mosso, è piombato sul traguardo in terza posizione, a ridosso di Nuova Zelanda e Azerbaijan, tutti qualificati. Nelle altre batterie passano il turno Lituania, Norvegia, Germania, Croazia, Francia e Australia.

L’ultima gara del programma con l’Italia protagonista è stata il quattro senza pesi leggeri di Stefano Oppo, Martino Goretti, Livio La Padula e Pietro Willy Ruta, che sin dall’inizio ha sempre tenuto testa agli avversari e dopo il passaggio in seconda posizione ai 500 metri, è andata a condurre e ha chiuso al primo posto precedendo sul traguardo la Cina di 17 centesimi e la Svizzera di 26. Insieme a queste tre barche vanno in semifinale anche Danimarca, Gran Bretagna, Grecia, Nuova Zelanda, USA e Olanda. Domani seconda tornata di eliminatorie con l’Italia impegnata in quattro barche: due senza senior femminile, doppio pesi leggeri femminile, doppio pesi leggeri maschile e quattro senza senior maschile.