Gioie e dolori, dolcezze ed amarezze al rientro dal Rally Valli della Carnia , secondo atto di Coppa Rally ACI Sport in quarta zona, per Xmotors Team.

Il migliore della compagine trevigiana è stato indubbiamente Rudy Andriolo, alle note Manuel Menegon sulla Skoda Fabia Rally 2 Evo di MS Munaretto, salito sul terzo gradino del podio assoluto, in gruppo RC2N ed in classe R5 – Rally 2, incamerando un buon bottino di punti sia per la CRZ ma anche per il Trofeo Pirelli Accademia e per quanto riguarda R Italian Trophy.


“Il primo giorno abbiamo sofferto con le gomme morbide” – racconta Andriolo – “e non riuscivo a curvare bene come volevo. Eravamo comunque vicini ai primi. Nella seconda frazione, montate le dure, eravamo convinti di avere un buon setup ma non siamo mai riusciti ad esprimerci al meglio. Diciamo che è andata discretamente. Punti buoni per la stagione. Grazie a Manuel, ad MS Munaretto, a Xmotors Team, a Giorgio Gasparotto ed a tutti i nostri partners.”

Valli della Carnia positivo anche per Federico Laurencich, in coppia con Alberto Mlakar su una Skoda Fabia Rally 2 Evo di P.A. Racing battente bandiera Gorizia Corse ma sostenuta anche dalla scuderia di Maser, alla fine quinto assoluto, di gruppo RC2N e di classe R5 – Rally 2.

Per il pilota di Gorizia una gara spot, senza alcuna ambizione di campionato, caratterizzata da una buona progressione nonostante una foratura, sull’ottava speciale, che non lo ha rallentato.

Unico ad abbandonare la compagnia è stato il povero Fabio Sandel, assieme a Beatrice Croda su una Skoda Fabia R5 di Motor Team, incappato in una fatale toccata con la posteriore sinistra, sul primo impegno della Domenica, a causa di un problema all’impianto frenante ma comunque soddisfatto per aver vissuto una gara immersa nel tifo del caloroso pubblico locale.

Chiude ai piedi del podio in classe Rally 4, quinto nella generale di gruppo RC4N e diciottesimo assoluto uno sconsolato Giampaolo Bizzotto, autore di una furiosa rimonta domenicale.

L’alfiere di Tombolo, primo di classe ma anche secondo di gruppo e quattordicesimo assoluto dopo le prime tre prove, accusava il cedimento della pompa benzina sull’ultima del Sabato.

Sprofondato al sessantunesimo assoluto, trentatreesimo di gruppo e dodicesimo di classe il pilota della Peugeot 208 Rally 4 di PR2 Sport, condivisa con Sandra Tommasini, dimostrava a chiunque il proprio valore, vincendo tutte le prove speciali in programma alla Domenica.

Uno sgambetto della sorte che vede quasi spegnersi le ambizioni di puntare alla finale di CRZ ed ai quartieri nobili delle annesse serie come il Trofeo Pirelli Accademia ed R Italian Trophy.

Una dea bendata che non ha voluto risparmiare nemmeno Thomas Sanapo, in coppia con Alberto Speranza su una Peugeot 208 R2 messa a disposizione da La Marca Racing.

Problemi cronici all’interfono al Sabato e qualche intoppo nel cammino domenicale non hanno tolto il sorriso al portacolori della compagine trevigiana, a conti fatti quindicesimo tra le Rally 4.

Un’importante e costruttiva esperienza per lui nonché la ritrovata voglia di tornare a competere, sia per quanto riguarda la zona quattro di CRZ che per la Michelin Zone Rally Cup e per R Italian Trophy, già a partire da un prossimo Città di Scorzè dove promette battaglia.

Articolo precedenteVolleyball Nations League, esordio vincente per gli azzurri
Prossimo articoloReal Sociedad e Macron hanno svelato le nuove maglie