É all’insegna dei grandi numeri, il resoconto analizzato a pochi giorni dalla conclusione del Rally Terra Sarda, appuntamento di chiusura del TER Tour European Rally e della Coppa Rally di Zona 9. L’evento, promosso da Porto Cervo Racing dal 7 al 9 ottobre ed ambientato in Gallura, ha coinvolto oltre quattrocentocinquanta unità interne alla sua organizzazione. Numeri record che, alimentati dall’adesione al confronto da parte di novantasette equipaggi, hanno garantito una richiesta turistica quantificata nell’ordine delle tremila presenze, riscontrate – nel fine settimana – dalle attività ricettive del territorio coinvolto. Un evento di respiro internazionale, il Rally Terra Sarda, che ha fatto registrare oltre diecimila persone tra le fasi legate alla cerimonia di partenza della manifestazione, a Tempio Pausania ed in occasione degli eventi proposti a Porto Cervo, nell’esclusiva cornice del Molo Vecchio, location che ha ospitato il Villaggio Rally Mirtò e la cerimonia conclusiva della domenica.

Un progetto, quello proposto da Porto Cervo Racing al panorama sportivo internazionale, che ha coinvolto quindici nazioni, elevando le strade della Gallura nel decisivo ruolo relativo all’assegnazione dei titoli messi in palio da TER – Tour European Rally ed alla qualificazione alla Finale Nazionale Coppa Italia Rally, in programma ad inizio novembre: particolarità che hanno garantito al Rally Terra Sarda un ritorno mediatico ad ampio raggio – veicolando le eccellenze dell’isola in ambito internazionale – ed un’affluenza che si è rivelata addirittura migliore delle aspettative. Un riscontro confermato da alberghi, bed & breakfast e pro-loco situati sia sulla costa che nell’interno della provincia, assecondati da una richiesta che ha generato un prevedibile “colpo di coda” della stagione turistica. La preannunciata adesione di esponenti del panorama rallistico internazionale, la bontà delle iniziative promosse da Porto Cervo Racing in concerto con le compagnie di navigazione e il coinvolgimento diretto del territorio, hanno consentito alla Gallura di beneficiare – ancora – di un fine settimana da “alta stagione”.

“Un risultato importante, frutto di una comunione d’intenti che ha interessato, oltre al mio numeroso gruppo di lavoro, le autorità territoriali e le compagnie di navigazione – il commento, entusiasta, del presidente di Porto Cervo Racing Mauro Atzei – elementi fondamentali per la riuscita di una manifestazione che ha veicolato la Gallura in ambito internazionale, beneficiando di una copertura mediatica che ha trovato espressione in buona parte del mondo, opportunità legata all’inserimento, come appuntamento conclusivo, nella programmazione del TER – Tour European Rally. Numeri, quelli che abbiamo riscontrato nel fine settimana, che hanno confermato la bontà di un progetto che ha fatto leva sulla tradizione. Attraverso condizioni particolari concordate con le compagnie di navigazione, che ringrazio per la fondamentale collaborazione, abbiamo incentivato la partecipazione da parte di molti equipaggi della penisola, proponendo in ottica futura il potenziamento delle tratte navali di competenza”.

Articolo precedenteBortolacelli ha concluso con successo a Berlino la sua prima maratona in handbike
Prossimo articoloIl 22 e 23 ottobre l’ultimo appuntamento con la vela offshore a Caorle