Oltre un mese è passato dall’ultimo appuntamento ma, prima della pausa estiva, è tempo di tornare a parlare di Campionato Italiano Rally Asfalto.

Teatro della sfida sarà la trentacinquesima edizione di un Rally Lana che, valevole anche a coefficiente maggiorato per la Coppa Rally ACI Sport di prima zona, contribuirà ad elevare la caratura di un parco partenti che promette battaglie interessanti, in tutte le classi al via.

Due le punte di Rally Sport Evolution impegnate in Rally 4, entrambe alla prima stagionale. Secondo cartellino di presenza sulla Peugeot 208 Rally 4 della squadra corse di Ranica per Davide Tardani, alle note Paolo Urban, desideroso di confrontarsi con i migliori del CIRA.

Per il pilota di Novara si tratterà di una trasferta particolarmente sentita, in virtù di quanto dimostrato lo scorso anno in una Ronde Gomitolo di Lana dal sapore dolce ed amaro.

“All’età di cinquantacinque anni” – racconta Tardani – “affrontare una gara del CIRA è tanta roba. Mi sono preparato molto, a livello atletico, per poter stare al passo dei miei avversari. Il Lana è una gara prestigiosa in Piemonte e cercheremo di fare del nostro meglio. Nel 2019 abbiamo vinto la classe al Gomitolo di Lana con la R2 mentre lo scorso anno, all’esordio sulla Rally 4, abbiamo fatto nostra la prima speciale, uscendo poi di strada. Quella ronde si corre su parte delle stesse strade del Lana quindi siamo fiduciosi per questo nostro esordio nel 2022.”

A condividere il debutto nella nuova annata, a bordo di una Peugeot 208 R2 con Veronica Gaioni, ci sarà anche Ilario Vidale, motivato a ben figurare sulle strade di casa propria.

Reduce da un terzo posto di classe R2C, nella passata edizione, il pilota di Biella sarà chiamato a confrontarsi in un’autentica gabbia di leoni dove le versioni turbo la fanno ora da padrone.

“Lo scorso anno il Lana era un CRZ” – racconta Vidale – “ed abbiamo portato a casa un bel podio. Quest’anno, nel CIRA, la sfida sarà decisamente più tosta e, pur pagando dazio con la nostra aspirata rispetto alle 208 turbo, cercheremo di dare il nostro massimo. Sarà per noi una gara spot, non seguiremo nessun campionato. Entrare nei primi cinque sarebbe un successo.”

Rotto il ghiaccio nel precedente Marca per Alberto Mario Pirola, alle note Chiara Corso sulla Renault Clio Rally 5 della compagine bergamasca, il Lana dovrà costruire la propria crescita.

Il pilota di Milano, attualmente decimo nel Clio Trophy Italia ed undicesimo in chiave CIRA, calcherà per la prima volte le speciali del biellese, cercando di avvicinarsi al passo dei migliori.

“Non abbiamo mai visto queste strade” – racconta Pirola – “quindi non sappiamo esattamente cosa aspettarci dal nostro debutto al Lana. Abbiamo apportato alcune variazioni all’assetto, specialmente sul posteriore, e vedremo se funzioneranno durante lo shakedown. Il nostro obiettivo è quello di puntare a migliorare il ritmo in prova. Vogliamo arrivare ad essere in linea con gli altri avversari della nostra categoria perchè solo così possiamo migliorare e crescere.”

Articolo precedenteSotto il Cielo del Castello di Santa Severa riecco lo sport
Prossimo articoloSbandieratori, il Rione De’ Brozzi promosso in serie A