Presentarsi al via dell’ultimo impegno di una serie prestigiosa, come il Campionato Italiano Rally Terra, con un titolo già in tasca, quello tra le dame conquistato nel precedente Marche, potrebbe far pensare ad una trasferta da vivere in scioltezza ed invece Laura Callegaro ha ben chiari i propri obiettivi per il Rally del Brunello.

L’appuntamento di Montalcino, in programma per Sabato e Domenica prossimi, vedrà la pilota di Campodarsego alla ricerca di punti preziosi per archiviare al meglio il suo debutto nel CIRT.

Se la partita per la classifica in rosa è già stata chiusa, con il successo della portacolori di Motus Group con una gara d’anticipo, resta ancora aperta la sfida per altri potenziali traguardi.

Scorrendo infatti la provvisoria tra le promesse del futuro, la coppa riservata agli Under 25 intitolata alla memoria del compianto Pucci Grossi, la portabandiera del sodalizio milanese, con quartier generale a Reggio Emilia, può ancora sperare in un colpaccio, grazie alla matematica.

Attualmente quarta la patavina accusa un ritardo di sole cinque lunghezze dalla coppia Battistolli e Nerobutto, con la leadership di Olli lontana soltanto diciassette punti.

Dal podio alla portata, tra i giovani talenti di domani, ad una top ten ancora raggiungibile in una classe Rally 4 che la vede al quattordicesimo posto, a meno sei da una soglia che potrebbe arricchire ulteriormente un 2022 già andato ben oltre le personali aspettative.

In questo contesto giocherà un ruolo determinante il coefficiente maggiorato, a quota 1,5.

“Se penso che, nel primo anno di CIRT, abbiamo vinto il titolo femminile mi sembra ancora un sogno” – racconta Callegaro – “e, se questo è diventato realtà, gran parte del merito è di Motus Group. Grazie a loro ho avuto il privilegio di completare il mio programma nell’italiano terra, portando a casa una vittoria insperata ad inizio anno. Grazie a loro ed a tutti i partners che ci hanno sostenuto ma abbiamo ancora una gara da vivere e la posta in palio non è di poco conto. Possiamo arrivare a podio tra gli Under 25 e nella top ten di classe quindi ci proveremo.”

In coppia con Sara Montavoci, sulla Peugeot 208 R2 di Baldon Rally, Callegaro si giocherà un’importante posta in palio, consapevole di quanto è stato fatto in quest’annata e, al tempo stesso, di quale sia il cammino di crescita che la attende per le prossime a venire.

L’atto conclusivo del tricolore su terra, targato 2022, scatterà Sabato sera dalla splendida cornice di Piazza del Popolo a Montalcino, con un breve trasferimento verso Buonconvento.

Domenica semaforo verde sulla battaglia vera, ad iniziare dal doppio passaggio sulle prove di “Pieve a Salti” (11,19 km), “La Sesta” (7,18 km) e “Badia Ardenga” (10,58 km), concludendo la settantina di chilometri cronometrati in programma con un ultimo scontro a “Pieve a Salti”.

“Da quel che mi immagino” – aggiunge Callegaro – “il fondo sarà simile a quello del Marche quindi dovremmo trovarci a nostro agio. Sono contenta di continuare ad essere affiancata da Sara, con la quale mi sono trovata molto bene, sperando di proseguire con lei pure nel 2023.”

Articolo precedenteJuventus, i bookmaker si tutelano dopo il caos plusvalenze e tolgono le quote
Prossimo articoloRally del Veneto, Paolo Dalla Libera al via della prima edizione