Il debutto stagionale, a Piancavallo concluso con un più che positivo quarto posto di classe Rally 5, aveva fatto capire come il binomio tra Roberto Maddalosso e la Renault Clio Rally 5, targata PR2 Sport, potesse dare via ad un bel connubio.

Buone erano quindi le aspettative in vista di un Rally Bianco Azzurro, classica del motorsport sammarinese, nel quale il portacolori di Motor Valley Racing Division voleva crescere.

Sabato e Domenica scorsi il patavino, affiancato da Roberto Segato alle note, contava su una Repubblica del Titano spesso a lui favorevole ma, questa volta, la storia è stata ben diversa.

Dopo una buona sessione di shakedown, in costante progressione, Maddalosso si è visto costretto a parcheggiare la propria vettura in trasferimento, ancora prima di accendere la sfida.

“Fine settimana da dimenticare” – racconta Maddalosso – “perchè San Marino, dopo anni di buoni risultati, questa volta ci ha tradito. Il percorso ci piaceva molto ed arrivavamo sulla scia di un buon Piancavallo. Abbiamo affrontato i quattro passaggi dello shakedown senza problemi, migliorando ad ogni giro. Il giorno seguente, dopo il palco partenza, la Clio iniziava a tagliare. Oltre i duemilaseicento giri non andava. Ci siamo quindi fermati in trasferimento, delusi a dir poco. Rientrati in assistenza, da ritirati, abbiamo guardato le telemetrie ed abbiamo scoperto che il problema riguardava la wastegate. Si era bloccata e causava questo taglio. Peccato.”

Uno stop deludente ma che non spegne l’ardore di un Maddalosso già orientato verso il prossimo Rally Città di Scorzè, previsto per il 5 ed il 6 Agosto quale quarta prova di una Coppa Rally ACI Sport di zona quattro che, pur non essendo nel mirino dell’alfiere del sodalizio con base a Modena, potrebbe comunque fare gola, una volta definiti i risultati del Valli della Carnia.

Attualmente, con il solo punteggio utile del Piancavallo ed in virtù dell’annullamento del Bellunese, Maddalosso figura al quarto posto di classe Rally 5, in ritardo di sette punti e mezzo.

Solo gli sviluppi dell’evento friulano, in calendario per il 2 ed il 3 di Luglio, potranno dare una maggiore chiarezza ad una provvisoria di CRZ che potrebbe tenere ancora aperta la partita.

“Sono cose che succedono” – aggiunge Maddalosso – “quindi vogliamo guardare avanti, con ottimismo, ai prossimi impegni della nostra stagione. Dovremmo essere al via del Città di Scorzè, un appuntamento al quale non vogliamo mai mancare. Arriviamo da alterne fortune perchè lo scorso anno ci siamo ritirati subito, per un mio errore, mentre nel 2019 abbiamo colto un bel podio di classe. Al momento non stiamo seguendo nessun tipo di campionato, corriamo soltanto in base alle nostre disponibilità di tempo, compatibilmente con il lavoro, ed ai nostri gusti. È altrettanto vero che, se guardiamo la classifica di CRZ oggi, abbiamo una bella posizione in Rally 5. Difficilmente andremo a correre il Valli della Carnia ma non è da escludere che, vedendo cosa succederà lassù, potremmo anche farci un pensierino. In ogni caso punteremo a dare il massimo a Scorzè, per prenderci la nostra bella rivincita sulla sfortuna.”

Articolo precedenteRonciglione già profuma di Mille Miglia
Prossimo articoloVolleyball Nations League, Italia oggi in campo per affrontare la Repubblica Dominicana