È un Premio Rally Automobile Club Lucca di grandi contenuti, quello proposto nella sua diciassettesima edizione dall’istituzione automobilistica provinciale: un solo punto di margine a decidere le due classifiche assolute – piloti e navigatori – con le strade del Trofeo Maremma che hanno confermato un trend all’insegna della massima incertezza. Con la classifica piloti “cristallizzata” dopo l’ultimo appuntamento – il Rally Il Ciocco e Valle del Serchio – ed articolata sul posizionamento di sei conduttori in soli quattro punti, l’appuntamento grossetano ha alimentato la rincorsa di Ronny Celli al vertice della classifica riservata ai navigatori, consolidata dalla conquista della seconda piazza di classe Rally5 su Renault Clio RS Line. Un solo punto, adesso, divide il codriver lucchese dal leader Fabrizio Vecoli, assente a Follonica, con le posizioni successive legittimate dalla penultima manche: Silvia Barsotti, terza, a comandare il confronto femminile verso Tania Bernardi, distante sei lunghezze. La vittoria della classe A0 di Simone Marchi, sul sedile destro di una Fiat Seicento, ha garantito lui l’avanzamento in quinta posizione, migliorando nettamente un trend che lo aveva visto conquistare un solo punto in ognuno dei due precedenti appuntamenti.

Nella classifica piloti, distanze invariate con Stefano Martinelli ancora leader seppur con un solo punto di vantaggio sull’inseguitore Andrea Simonetti. Una situazione invariata, quella espressa dopo il Trofeo Maremma, contesto che non ha fatto registrare la presenza dei piloti di vertice della serie.

A condividere la terza posizione, quindi, ancora un quartetto di piloti: Claudio Fanucchi, Riccardo Meconi, Marco Lombardi ed Enzo Oliani. Grande incertezza, quella garantita dalla kermesse all’avvicinarsi del “giro di boa”. Numeri ed agonismo che attendono evoluzioni significative nel prossimo appuntamento, il Rally Valdinievole e Montalbano in programma nei giorni 7-8 maggio.

Articolo precedenteGli azzurri di Trap da oggi in pedana al Concaverde
Prossimo articoloVolley, Felice Sette: “Il mio sogno? La Superlega”