Oltre 15mila studenti coinvolti, 640 classi partecipanti, undici ore complessive di webinar. È stata una Settimana europea dello sport inedita. Tutta online. Ma non meno appassionante. Dal 23 al 30 settembre la FIDAL, con il supporto della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, ha organizzato cinque videoconferenze e una prova pratica, rivolte agli studenti di ogni ordine e grado su tutto il territorio nazionale. Negli incontri sono state affrontate tematiche legate al mondo dello sport in senso ampio, con l’intervento di esperti e ambassador scelti tra gli atleti del panorama sportivo. Dalle elementari alle superiori, tantissimi istituti scolastici hanno aderito all’iniziativa, segno evidente di quanto la ripresa delle attività didattiche fosse da tutti attesa, come pure la volontà di assegnare al mondo dello sport la dovuta importanza in un momento storico complesso come quello che ci troviamo a vivere.

Le cinque lettere della parola “sport” hanno ispirato i temi di ogni incontro: S come salute, sana alimentazione e sogno, P come perseveranza, progresso e programmazione, O come Olimpiadi, obiettivo e organizzazione, R come resilienza, risultato e regole, T come tenacia, team e tifo. A incontrare virtualmente gli studenti e raccontarsi sono stati alcuni dei principali atleti azzurri come il bronzo olimpico del triplo Fabrizio Donato, il primatista italiano del salto in lungo Andrew Howe e il recordman nazionale dei 400 metri Davide Re, ma anche l’ex fiorettista due volte bronzo olimpico Margherita Granbassi, l’ex azzurro del volley Andrea Lucchetta e Mauro Berruto, già commissario tecnico della Nazionale di pallavolo. L’ultima giornata, quella del 30 settembre, è stata invece dedicata a una sessione pratica di allenamento, sempre in diretta video, tenuta dal tecnico federale Giorgio Ripamonti e destinata ai bambini della scuola primaria. Tra gli ospiti istituzionali, sono intervenuti il capo della Rappresentanza in Italia della Commissione europea Antonio Parenti, la responsabile della comunicazione Claudia De Stefanis, la vicepresidente FIDAL Ida Nicolini, il segretario generale Fabio Pagliara e l’ex azzurra del martello Silvia Salis (Consiglio federale FIDAL).