Tempo di semifinali femminili alla Coppa del Mondo Boulder di Bressanone, 20 agguerrite climbers si sono sfidate sulle pareti del Vertikale Climbing Stadium, colorato e animato da un folto pubblico entusiasta con una strabocchevole tribuna.

Nuovi boulder, nuova gara, ma sempre lei: Natalia Grossman, “the G.O.A.T.” dell’arrampicata sportiva femminile. Con la sua imparagonabile leggerezza, l’americana ha messo a segno uno dopo l’altro i 4 “top”, tutti al primo tentativo: “Ė stato davvero divertente, i boulder erano fantastici, il Vertikale Climbing Stadium è meraviglioso. La vera sfida sarà questa sera, dove spero di continuare con questo ritmo. Non vedo l’ora!”. Superba prova anche per la giapponese Miho Nonaka, che ha conquistato anche lei tutti i “top” ma con un tentativo in più rispetto alla statunitense e terminando così alle sue spalle. Passano inoltre in finale la tedesca Hannah Meul, le giapponesi Serika Okawachi e Anon Matsufuji e la cinese Zhilu Luo.

L’Italia era tutta per Camilla Moroni, unica azzurra ad aver superato lo sbarramento delle qualifiche. La ligure commenta così il suo 16° posto: “Il primo blocco era forse un po’ troppo facile, il secondo era di un livello giusto e sono molto felice di averlo chiuso. Il terzo era molto fisico, le spallate sono una mia debolezza quindi ho cercato di trovare un altro metodo per passare, ma non ho avuto successo. Sull’ultimo, diciamo che devo ancora capire la méthode giusta perché non sono riuscita a capirla lì sul momento.” Il grande appuntamento con le finali è stasera a partire dalle ore 20. Let’s rock!

Semifinali femminili

1 Natalia Grossman USA; 2 Miho Nonaka JPN; 3 Hannah Meul GER; 4 Serika Okawachi JPN; 4 Zhilu Luo CHN; 6 Anon Matsufuji JPN

Articolo precedenteEmilia-Romagna Round del WorldSBK, sabato da memorizzare
Prossimo articoloObiettivo Tricolore sbarca per la prima volta nelle Marche