Con la griglia quasi al completo questa sera Camerun e Brasile si incroceranno ai mondiali del Qatar, con fischio di inizio alle 20 italiane nel Lusail Iconic Stadium di Lusail, per disputare l’ultima gara in calendario della terza giornata del gruppo G dei mondiali. Entrambe sono ancora in corsa per poter accedere a quegli ottavi che non sono altro che il passpartout per accedere alla prima fase ad eliminazione diretta. I sudamericani sono già certi dell’obiettivo ma rischierebbero di arrivare secondi nel girone. Gli avversari, invece, scenderanno in campo consapevoli di giocarsi la qualificazione con Serbia e Svizzera che anche loro sperano di superare il turno.

Il Camerun è ancora in corsa, dopo la formidabile rimonta contro la Serbia avanti di due gol ma raggiunta sul 3 a 3, ma deve vincere e attendere il risultato tra la selezione serba e quella Svizzera per sperare nella qualificazione. Il Brasile, invece, deve ringraziare Casemiro per il gol messo a segno nelle ultime battute di gioco contro gli elvetici grazie al quale potrebbe arrivare primo nel girone anche con un pareggio. I loro destini delle due rappresentative tornano ad incrociarsi otto anni dopo, sempre ai mondiali, quando al novantesimo il direttore di gara sanzionò il 4 a 1 grazie ad una doppietta del brasiliano Neymar, con una rete Fred e Fernandinho con il gol della bandiera messo a segno da Matip. Fa notizia alla vigilia l’assenza del portiere dell’Inter Onana preferito tra i pali da Epassy parrebbe per motivi disciplinari decisi dalla sua federazione.

Nonostante sia ipotizzabile un importante turnover tra le file dei verdeoro i betting analyst di BetFlag scommettono sul successo dei sudamericani con il 2 proposto a basso a 1,40, molto distante dall’1 del Camerun a 7,80 e con l’X che moltiplica per 4,80. Casemiro come primo marcatore è bancato a 20 con l’attaccante del Tottenham il brasiliano Richarlison a 5,50 e Pedro a 6.

Articolo precedenteL’altra faccia (spesso sconosciuta) dello sport
Prossimo articoloBasket in carrozzina, serie A, comincia il girone di ritorno