Inscatolato e pronto per essere messo in soffitta anche il 2021, al termine di un Prealpi Master Show avaro di soddisfazioni per la scuderia di Maser.

Tre erano i portacolori iscritti all’ultimo impegno stagionale, a partire da un Fabio Sandel che ritrovava l’amata terra, assieme a Silvia Mosena, sulla Skoda Fabia R5 di MS Munaretto.

Per il pilota di Miane un paio di errori in avvio, tradotti nel quarantunesimo parziale assoluto al controllo stop della prima prova speciale, che lo costringevano ad una perentoria rimonta.

In una classe regina, la R5, che contava al via una cinquantina di partenti, tra i quali big di livello assoluto come il pluricampione italiano nonché fresco vincitore del tricolore terra Paolo Andreucci, il trevigiano riusciva a recuperare, nel corso della giornata di Domenica, ben ventidue posizioni nella classifica assoluta, risalendo sino ad una diciannovesima piazza nella generale, nel gruppo R ed in classe, che gratificava un finale di stagione ad un ottimo livello.

“Un paio di errori nella prima prova ci han penalizzato parecchio” – racconta Sandel – “ma le condizioni erano davvero difficili. Faceva molto freddo ed il terreno era totalmente ghiacciato. Viaggiando ad alte velocità ci poteva stare. Di positivo c’è che non ci siamo arresi, non abbiamo mollato e, spingendo al massimo delle nostre possibilità, siamo riusciti a recuperare oltre venti posizioni nell’assoluta, chiudendo al diciannovesimo posto. Come avevo già detto il Prealpi Master Show sembra una gara banale, correndo in campagna, ma in realtà è piena di insidie. Il team MS Munaretto ci ha messo a disposizione una vettura al top ed uno staff che ci ha seguito in modo ottimale durante la gara. Grazie a tutti i nostri partners ed alla scuderia Xmotors Team, in particolare al patron Stefan, per il sostegno che ci han dato in questo 2021.”

Primo cartellino di presenza timbrato nel Raceday per Dario Scapin, alle note Simone Crosilla, a bordo di una Skoda Fabia R5 targata Motor Team con la quale il pilota trevigiano d’adozione non è riuscito ad andare oltre il trentaquattresimo posto di classe R5, cinquantesimo di gruppo R e cinquantottesimo assoluto, consolandosi con il quattordicesimo tra gli iscritti alla serie.

“Le speciali sono state molto speciali” – racconta Scapin – “perchè il fondo, da un passaggio al successivo, cambiava in continuazione. I ragazzi di Motor Team sono stati sempre sul pezzo ed il mio naviga è stato bravo a tenermi calmo. Siamo arrivati e questo era l’obiettivo primario perchè volevamo fare esperienza e macinare chilometri. Seguiremo tutta la serie Raceday, per quanto riguarda il calendario della prossima stagione, ed aggiungeremo qualche partecipazione extra che potrà riservare delle belle sorprese. Grazie alla famiglia Ferrari ed al grande Francesco Stefan, presidente di Xmotors Team, per quanto hanno fatto per me quest’anno.”

Rimandato l’esordio sulla trazione integrale turbo per il giovane Lorenzo Coppe, iscritto con Roberto Simioni su una Mitsubishi Lancer Evo X R4 messa a disposizione da MFT Motors.

Il classe 1992 da Quero Vas è stato costretto ad alzare bandiera bianca per problemi di salute.

Articolo precedentePrealpi Master Show, Manuele Stella chiude al secondo posto
Prossimo articoloRugby Frascati Union 1949, presentato il progetto “Stella Polare”: il 16 gennaio il primo evento