Nonostante l’equilibrio visto in pista, il sabato della Porsche Carrera Cup Italia sull’Autodromo di Vallelunga ha in Leonardo Caglioni il suo dominatore. Dopo la vittoria colta a Imola prima della pausa estiva, il 18enne pilota di Ombra Racing – Centro Porsche Padova ha conquistato sia le qualifiche sia gara 1 del quarto round stagionale. Sul circuito romano la seconda vittoria stagionale consecutiva certifica la brillante crescita del giovane bergamasco inserito nello Scholarship Programme di Porsche Italia, che sul traguardo ha preceduto Gianmarco Quaresmini (Tsunami RT – Centro Porsche Brescia), nuovo leader della classifica generale, e Alberto Cerqui, tornato sul podio con la 911 GT3 Cup del Team Q8 Hi Perform. Con 32 vetture al via, il programma del weekend si conclude domenica (19 settembre) con la disputa di gara 2 alle 13.

Dopo la pole position fatta segnare da Caglioni in mattinata (1’33”786), gara 1 di Vallelunga ha riservato spettacolo e sorpassi fin dal primo giro nel duello tra i primi. L’alfiere del team Ombra è scattato bene allo spegnimento dei semafori, ma poche curve più tardi Quaresmini lo ha superato con una bella manovra all’esterno dei Cimini. Il driver bresciano è però arrivato a ruote bloccate alla successiva frenata della Campagnano nel tentativo di difendersi dal ritorno di Caglioni, che si è ripreso il comando della gara, da quel momento in poi dominata fino al traguardo. Alle sue spalle, approfittando del “lungo” di Quaresmini, il compagno di squadra Aldo Festante ha occupato la seconda posizione fino a poche tornate dal termine.

Nel finale, però, il pilota campano ha iniziato a perdere terreno fino a precipitare all’11esimo posto finale. Quaresmini e Cerqui, in bagarre fra loro per l’intera gara, sono così saliti rispettivamente in seconda e terza posizione, restando in piena lotta anche per il titolo. Così come resta in lizza Alessandro Giardelli. Il rookie di Dinamic Motorsport – Centro Porsche Bologna, che arrivava a Vallelunga da leader di campionato, è rimasto agganciato al treno dei migliori fino a quando un contatto proprio con Festante lo ha relegato al sesto posto dietro a Enrico Fulgenzi, quarto con EF Racing – Centro Porsche Pesaro, e Daniele Cazzaniga, quinto con Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano. Il sesto posto finale permetterà a Giardelli di posizionarsi in pole position sulla griglia invertita di gara 2, con al suo fianco in prima fila proprio Cazzaniga.


Coronando un’intensa rimonta dalla 16esima posizione con il settimo posto al traguardo, anche Marzio Moretti resta nel lotto dei migliori che si giocheranno il titolo. Il 19enne pilota di Bonaldi Motorsport – Centro Porsche Bergamo ha preceduto Benedetto Strignano, ottavo con la prima 911 GT3 Cup di AB Racing – Centri Porsche di Roma, team impegnato nell’appiuntamento di casa, Gianmarco Levorato (Tsunami RT – Centro Porsche Verona) e Federico Malvestiti, che ha completato la top-10 per Ghinzani Arco Motorsprot – Centri Porsche di Milano. Meno fortunato il compagno di squadra Leonardo Moncini, così come Simone Iaquinta, ritiratosi dopo essere entrato ai box nel giro seguente a quello in cui ha fatto segnare il miglior riscontro in gara con il tempo di 1’35”307.

Incerta fino alla fine la Michelin Cup: dopo il miglior tempo in prova Marco Cassarà ha conquistato in casa il terzo successo ocnsecutivo della stagione con la 911 GT3 Cup di Raptor Engineering – Centro Porsche Catania. Il pilota romano ha resistito al tentativo di recupero di Alex De Giacomi, l’alfiere di Tsunami RT – Centro Porsche Brescia al rientro dopo l’assenza segnata a Imola.

I due contendenti per il titolo sono saliti sul podio di classe insieme al lussemburghese Gabriel Rindone, terzo e al miglior risultato stagionale con EF Racing – Centro Porsche Pesaro. Infine, nella Silver Cup il quinto successo personale del 2021 ha permesso a Max Montagnese (Team Malucelli – Centro Porsche Catania) di allungare ulteriormente in classifica su Davide Scannicchio (ZRS Motorsport) e sul compagno di squadra Marco Parisini, che in gara 1 hanno concluso alle spalle del pilota calabrese.