Un Rally Casciana Terme che, come lo scorso anno, ha visto le condizioni meteo puntare ad essere assolute protagoniste del penultimo atto di una sesta zona di Coppa Rally ACI Sport che si avvicina alla chiusura finale del proprio sipario.

Rally Sport Evolution si presentava ai nastri di partenza con il ritrovato Iuri Vigilucci, alla sua prima uscita stagionale ed al debutto sulla Peugeot 208 Rally 4 della squadra bergamasca.

Affiancato da Federico Riterini, alla sua destra, il pilota di Volterra prendeva le misure alla nuova compagna di avventura durante le tornate dello shakedown, dimostrandosi già competitivo sul passaggio serale della “Casciana Terme”, al Sabato, chiuso con il quarto tempo tra le Rally 4, ad un decimo dal podio ed a 5”5 dalla migliore prestazione di classe.

“Durante lo shakedown abbiamo preso confidenza con la nuova vettura” – racconta Vigilucci – “ma non abbiamo potuto fare molte prove di assetto. Nella prova di apertura, quella in notturna del Sabato, direi che siamo andati bene. Quarti e non molto lontani dalla vetta era già buono.”

Alla Domenica la scelta delle gomme diventava un rebus di difficile soluzione, per quanto riguarda il primo giro di speciali, con una parte iniziale asciutta ed una seconda bagnata.

Vigilucci si confermava in scia al treno di testa sul secondo e quarto impegno mentre sul terzo faticava sul bagnato, perdendo contatto con i primi ma senza variare la posizione in classifica.

“Per il primo giro c’era molta indecisione sulle gomme da montare” – sottolinea Vigilucci – “così abbiamo deciso di andare via con quattro asciutto e due bagnato di scorta. Sulla prima della Domenica siamo andati bene ma sulla seconda abbiamo trovato acqua a scendere, perdendo molto tempo perchè era parecchio scivoloso e forse noi eravamo troppo rigidi di assetto. La terza speciale era bagnata quindi abbiamo cambiato le gomme in trasferimento e, pur restando cauti, ci siamo ben difesi, consolidato ulteriormente la nostra quarta posizione in classe.”

Il secondo passaggio, corso sull’asciutto, confermava Vigilucci quale quarta forza in campo tra le Rally 4, ad eccezione di un’ultima “Miemo” affrontata di conserva per gestire la posizione.

“Sul secondo giro, tutto asciutto, siamo andati bene” – aggiunge Vigilucci – “ma non siamo riusciti ad andare più veloci di così. Abbiamo preso molti rischi sulla sesta e sull’ultima abbiamo soltanto gestito la posizione. La vettura è andata molto bene ma devo ancora lavorare un po’ sul setup per il mio stile. Team fantastico, come sempre. Io sono molto esigente, lo ammetto, ma loro mi accontentano sempre. Il lungo stop si è certamente fatto sentire ma, come prima gara dell’annata, non possiamo di certo lamentarci. Abbiamo corso con una vettura nuova e con un fondo che cambiava continuamente. Questo mi ha fatto fare un po’ di fatica in più, rispetto al previsto. Grazie ai nostri partners. Siamo soddisfatti di questo quarto posto finale.”

Articolo precedenteRaduno del Bo’, in sessanta per Roberto Rado
Prossimo articoloRampazzo vince la Crz, zona quattro, tra le R3