Nella terza giornata di gare alla “Roma 2020 Weightlifting World Cup”, la Coppa del Mondo di Pesistica in corso al PalaPellicone di Ostia, arrivano nuove medaglie Azzurre: 3 ori per Nino Pizzolato, protagonista della categoria 81 kg e 2 bronzi per Giorgia Bordignon, nella categoria 64 kg. Sale quindi a 11 il bottino azzurro a questa Coppa del Mondo, categoria ‘silver’ valida per la qualificazione alle Olimpiadi di Tokyo 2020.
Domani alle 12.30 ultima atleta azzurra in gara: si tratta di Alessia Durante, impegnata nella 71 kg.
Davanti al gremito pubblico del PalaPellicone, Nino Pizzolato piega la resistenza del formidabile avversario statunitense Harrison James Maurus e ha la meglio in tutte le specialità nella categoria 81 kg: per lui oro di strappo con 160 kg, oro di slancio con 195 e oro dunque di totale con 355 kg. Dietro di lui Harrison Maurus con 353 (158 + 195) e il canadese Alex Bellemarre, terzo con 323 kg (148 + 175).

Nella 64 kg svetta la rumena Loredana Toma che, con 6 prove valide su 6, vince con notevole margine sulle avversarie: per lei uno strappo a 113 kg, uno slancio a 136 kg per un totale di 249. Argento per la canadese Maude Charron con 235 (105 + 130), bronzo per l’Azzurra Giorgia Bordignon che scalza le inglesi e conquista il terzo gradino del podio, facendo un importante passo avanti in prospettiva olimpica. Per lei un totale di 225 kg, frutto di uno strappo a 102 kg e di uno slancio a 123 kg.

Dopo la brutta avventura alla Coppa del Mondo in Qatar di dicembre, in cui Nino Pizzolato è finito fuori gara, c’era bisogno di un ottimo risultato sul palcoscenico romano per potersi riscattare:
“Il Qatar è stata una brutta esperienza, vissuta male sin da subito. Poi ho cominciato a vederla come un allenamento andato male per potermela lasciare alle spalle. Avevo voglia di riscattarmi e conquistare questo podio, che è stato fondamentale per il mio percorso; oggi sono stato io, anche se non ho fatto i chili che volevo sono riuscito a tirare fuori il meglio di me”. Dopo i tre ori conquistati alla Coppa del Mondo di Roma, ora testa all’Europeo di aprile a Mosca: “Adesso testa bassa e lavorare. Da oggi inizia un nuovo percorso; mi conosco bene e so dove devo lavorare per fare ancora meglio di oggi. L’unica cosa che importa è avere fame di vittoria e io ne ho tanta. Tokyo è sempre più vicina e non vedo l’ora di varcare quella pedana per dimostrare chi è Nino Pizzolato”.
Sulla pedana della “Roma 2020 WWCup” arrivano due preziose medaglie di bronzo per Giorgia Bordignon che alimentano le speranze di arrivare a Tokyo per Giorgia Bordignon:
“E’ un risultato importantissimo in vista della qualificazione, ancora di più perché stanno tornando i ‘miei’ chili. Fortunatamente le inglesi sono rimaste indietro e mi hanno regalato questo passo in avanti in prospettiva Tokyo 2020. La preparazione adesso è focalizzata sugli Europei sperando di migliorare il totale e di lasciare ancora più indietro le inglesi”.