Mirco Scarantino vince la medaglia di bronzo al Mondiale di Pesistica Olimpica di Ashgabat in Turkmenistan, con un totale di 252 kg, piazzandosi dietro al nordcoreano Yun Chol Om con 282 e al kazako Arli Chontey con 258. Una gara da incorniciare per Scarantino, reduce tra l’altro dal suo 10° titolo Europeo, che ha portato a termine 5 prove su 6, mostrandosi tra i più costanti della competizione. Entrato in gara con 110 di strappo in prima prova, si migliora nella seconda sollevando 113 kg, fallendo solo l’ultimo tentativo a 116, piazzandosi quinto nella specialità. Nello slancio poi dà il meglio di sé, con 3 prove valide su altrettante provate: l’atleta delle Fiamme Oro entra in gara con 136 kg, migliorandosi poi con 138 e infine con 139, numero che gli consente di superare il coreano Young-Ho Kim, suo diretto avversario. E’ quinto anche nello slancio ma terzo nel totale. Un risultato e una medaglia di importanza enorme in vista del percorso olimpico, iniziato proprio ad Ashgabat, dove il punteggio accumulato nelle singole competizioni da qui ai prossimi venti mesi è prezioso.

Felicità infinita per l’Azzurro di Caltanissetta classe ‘95, premiato dal Presidente FIPE ed EWF Antonio Urso.

“Mirco ha appena vinto una medaglia difficilissima – dice a caldo Urso – in una categoria nuova e super agguerrita, quale è la 55 kg. Tra l’altro in una gara complicatissima in cui tutti gli atleti, di enorme caratura tra l’altro, erano molto vicini con i kg sollevati. Una medaglia frutto di un lavoro di squadra e di una eccellente interpretazione della competizione da parte dei tecnici. Complimenti a Mirco e a tutto il Team”.