El Tambor Major

Parmaclima e San Marino accantonano per qualche giorno il duello nel girone di poule scudetto, per sfidarsi nella Coppa Campioni che prende il via martedì mattina sul diamante tedesco di Bonn.

La formazione emiliana, guidata da Gianduido Poma, difende il quattordicesimo titolo continentale (su 19 finali) conquistato nel 2021 a Ostrava, i ragazzi di Doriano Bindi si ripresentano sul massimo palcoscenico continentale dopo qualche anno di assenza (l’ultima apparizione nel 2019) cercando di migliorare la loro bacheca, ferma al terzo successo conquistato nel 2014. Otto le le formazioni al via in questa European Champions Cup, in rappresentanza di quattro nazioni, Italia, Olanda, Germania e Repubblica ceca. E i campioni uscenti del Parmaclima si misureranno proprio con la matricola di questa edizione, il Draci Brno, vincitore della poule B dello scorso anno (chiuso con il secondo posto in campionato), che si è presentato in Germania con un rinforzo niente male, il 34enne lanciatore Juan Jaime, che vanta 18 gare in Major con Atlanta, alcuni torneo in Giappone, con i Dragons, e in Messico.

Lo staff emiliano, prima del playball di martedì mattina sta decidendo se presentarsi al via con Emailin Montilla (2 vittorie nelle prime tre partenze in Italia), o se dare la prima palla a Luis Lugo, che nello scorso fine settimana ha fatto il rientro ufficiale nel campionato con tre ottime riprese.

In casa Parmaclima c’è molta fiducia sulle possibilità della squadra, che sta guidando il proprio girone di seconda fase con ottimo prestazione. Sono stati recuperati i lanciatori Mattia Aldegheri e Yomel Rivera, eroe della semifinale vinta a Ostrava contro il Bologna. Contro Brno potrebbero torneo in campo anche Sebastiano Poma e Alberto Mineo. Più difficile la presenza in campo di Leo Rodriguez che ha bisogno di qualche altro giorno per recuperare un infortunio.

Da valutare anche la presenza di Stefano Desimoni, colpito domenica da un grave lutto familiare: potrebbe aggregarsi al gruppo nelle prossime ore. Fanno parte del Parmaclima anche la tedesca Heidenheim e L&D Amsterdam (Ola).

Il San Marino inizierà il suo cammino eliminatorio contro una delle squadre più vincenti della coppa dei campioni, i Nettuno s’Rotterdam che ha alzato al cielo 10 volte il trofeo. L’obiettivo dei Titani è di fare una bella figura in un girone impegnativo.

«Siamo pronti alla battaglia – sottolinea il general manager sammarinese Mauro Mazzotti – ci attendere un torneo difficile e un cammino iniziale con il sempre temibile Rotterdam e il Bonn che davanti al proprio pubblico cercherà di confermare l’argento dello scorso anno».

Mazzotti fa anche una considerazione sul monte di lancio: «Nelle ultime settimane eravamo settati sulle 21 riprese. In questi cinque giorni possiamo arrivare anche a 45. Dovremo probabilmente tirare il collo a qualche pitcher».

I campioni d’Italia si sono presentati all’impegno internazionale con l’organico che ha vinto due partite sabato contro la Camec Collecchio. Nell’impegno di martedì pomeriggio alle 15 contro il Neptunus Rotterdam, lo staff darà probabilmente la partenza all’ex Major league brasiliano André Rienzo. Nel raggruppamento dei rappresentanti della piccola Repubblica di San Marino ci sono anche Bonn Capitals (Ger) e Arrows Ostrava (R.Ceca)

Articolo precedenteTerzo round della Coppa Rally ACI Sport per Manuel Bonfadini
Prossimo articoloGiornata Nazionale dello Sport, in 2500 fra Orte e Roma