Altra vittoria, altri tre punti, ma quanta fatica contro la matricola Ischia. La Roma Vis Nova esce dalla Scandone con la consapevolezza di aver conquistato il successo, ma allo stesso tempo di averlo raggiunto solamente nel quarto tempo dopo un match sofferto, nervoso, con un gioco molto discontinuo e sviste sia davanti, sia dietro. Una Roma Vis Nova che ha mosso la classifica e continuato così la propria marcia verso l’obiettivo finale, ma contro questa squadra si poteva e si doveva fare sicuramente di più, soprattutto dopo la gara di sette giorni fa con l’Acquachiara. Insomma una partita che dice quanto ancora la strada sia lunga, di lavoro da fare ce n’è e allo stesso tempo di come si deve crescere e migliorare. Un altro mattone è stato messo e questo porta fiducia, ma i valori in campo si devono vedere e si devono anche esprimere. A metà partita il punteggio era in perfetta parità, poi alla fine del terzo Vis Nova sopra di uno e solamente nell’ultimo quarto il parziale di 6-2 ha lanciato i romani. Bene Di Rocco che ha guidato i suoi, Provenziani bomber con 4 reti e vero mattatore del match, De Robertis mano calda sottoporta con 3 reti. Ancora da migliorare con l’uomo in più. Sabato arriva Palermo, altro passo importante per la crescita. La società sta preparando una grande festa per la consegna ufficiale del Trofeo del Giocatore.

Articolo precedenteAtletica Frascati, il presidente Di Paola: “Sta per chiudersi un altro anno ricco di soddisfazioni”
Prossimo articoloXc Motorsport, se il quartier generale chiama…