Dopo il blocco del calendario NBA (basket) per la diffusione, anche negli USA, dell’epidemia da Coronavirus (Covid-19), i Phoenix Suns hanno deciso di continuare a giocare almeno “virtualmente”. La franchigia dell’ArizoNBAna ha scelto di simulare tutte le partite in programma su “NBA2K” e trasmettere tutto in diretta su Twitch (con aggiornamenti e news in tempo reale sui social media). Un modo per tenere allenato almeno il cervello degli atleti, visto che lo stesso commissioner NBA, Adam Silver, ha comunicato che il campionato resterà fermo per “almeno 30 giorni”.

Articolo precedenteBoxe, stop alle qualificazioni olimpiche
Prossimo articoloLa Premier League non tornerà in campo prima del 1° maggio