Era già un importante traguardo esserci, fare parte del gotha del rallysmo mondiale era da considerare un sogno che diventava una bella realtà ed invece Stefano Strabello si è superato, regalandosi pure una prestazione d’autore nel weekend.

Al WRC ACI Rally Monza andava in scena l’ultimo atto del FIA World Rally Championship ed il pilota di Legnago, alla sua prima apparizione nella massima serie, ha suggellato un 2021 da protagonista, sfiorando il podio in classe RC4 e concludendo alla fine con un ottimo quarto.

Alla guida della Peugeot 208 Rally 4 di Baldon Rally il portacolori di Destra 4 Squadra Corse, affiancato da Ivan Gasparotto alle note, partiva cauto al Venerdì e concludeva la frazione esterna con un buon sesto posto su tredici, prima di dimostrarsi a proprio agio sulle speciali disputate all’interno del tempio della velocità, l’Autodromo Nazionale Monza, ed infilare una serie di parziali che gli consentivano addirittura di chiudere sul terzo gradino del podio in RC4.

“Il primo giorno siamo partiti calmi” – racconta Strabello – “perchè sapevamo che sarebbe stata molto lunga. Peccato per aver saltato le due Costa Valle Imagna, annullate, ma in pista siamo andati molto bene, nonostante una piccola toccata contro un albero sulla penultima speciale.”

Al Sabato, tra “San Fermo” e “Selvino”, Strabello cercava di difendere la terza piazza dal rientro della concorrenza ma, sul crono numero undici, si consumava il sorpasso ed il portabandiera della scuderia di Rovereto veniva scalzato, scendendo in quarta posizione provvisoria.

Ritornati in circuito lo scaligero tornava ad avvicinarsi al passo dei migliori, consolidando la propria situazione di classifica ed aprendo un buon divario con il gruppo degli inseguitori.

“Sulle prove fuori del Sabato” – aggiunge Strabello – “siamo andati un po’ in crisi con le gomme, sul primo passaggio a Selvino, mentre in pista abbiamo faticato abbastanza sull’ultima, causa una fitta nebbia, ma l’abbiamo comunque portata fuori, confermandoci al quarto posto.”

L’ultima frazione di gara, quella della Domenica, si concentrava unicamente in pista e, vista l’impossibilità di agganciare un podio ormai irraggiungibile, Strabello si godeva gli ultimi chilometri, di questa indimenticabile avventura, rispettivamente con un quarto e due terzi tempi.

“Le modifiche fatte all’assetto hanno pagato Domenica mattina” – conclude Strabello – “e ci siamo divertiti davvero tanto, soprattutto sui tratti su sterrato. Che goduria ragazzi. Abbiamo chiuso quarti, al debutto in una gara del mondiale. È incredibile. Grazie a papà Paolo, a tutti i partners che hanno creduto in questo progetto, ad un Ivan che mi ha fatto sentire sempre al sicuro, a tutti i ragazzi di Baldon Rally che ci hanno fornito una vettura che ha girato come un orologio svizzero. Non potevamo chiedere di meglio per chiudere un 2021 per noi fantastico. Abbiamo avuto tante belle soddisfazioni e ripetersi, il prossimo anno, sarebbe già un sogno.”