Una crescita costante è stato il tema principale della presenza di Vittorio Ceccato al recente Rally degli Abeti e dell’Abetone, appuntamento valido come terzo round della Coppa Rally ACI Sport, zona sei, lo scorso fine settimana.

Il pilota di Bassano del Grappa, tornato nella sua amata Toscana, si presentava ai nastri di partenza su una Peugeot 208 R5, seguita da MM Motorsport e battente bandiera Jteam.

Una gara laboratorio, votata all’effettuare alcuni test su una nuova configurazione di assetto, ha maturato un tredicesimo di classe R5, quindicesimo di gruppo R e sedicesimo assoluto.

Un bilancio che, con una vettura di classe maggiore, potrebbe prestarsi a dubbie interpretazioni ma che la soddisfazione di Ceccato cancella rapidamente, con un solo colpo di spugna.

“Siamo molto soddisfatti del risultato che abbiamo ottenuto all’Abeti” – racconta Ceccato – “perchè, testando il nuovo assetto con i ragazzi di MM Motorsport, abbiamo avuto sensazioni di guida molto buone e soprattutto più precise. Affrontare queste gare con loro mi garantisce, sempre, la massima tranquillità. La Toscana è piena di piloti locali molto forti, tanti dei quali conoscono queste strade alla perfezione. Noi abbiamo visto le prove speciali soltanto Sabato mattina ed il nostro passo gara testimonia molto questa progressione. Siamo soddisfatti di noi.”

Un primo giro in sordina, per prendere le misure al percorso ed al nuovo assetto, vedeva Ceccato viaggiare appena fuori dai migliori venti assoluti, soltanto sedicesimo di classe R5.

Man mano che i chilometri scorrevano, sotto le ruote della trazione integrale di casa Peugeot, anche il ritmo migliorava ed al termine della seconda tornata il bassanese era già in recupero.

Il cambio di marcia più sensibile avveniva sull’ultimo passaggio, con una classifica che recitava quattro posizioni recuperate in classe, sette in gruppo R ed altrettante nella generale.

Un buon bottino, se letto nella giusta prospettiva, raccolto assieme ad Emanuele Dinelli.

“Abbiamo fatto un altro passo avanti nel prendere feeling con la 208 R5” – aggiunge Ceccato – “ma ricordiamoci sempre che stiamo parlando di una vettura difficile, molto tecnica ma che da enormi soddisfazioni. Correvo per la prima volta con Emanuele Dinelli, in sostituzione a Rudy Tessaro, ed ho trovato un navigatore professionista, serio e molto preparato. È stato un piacere correrci assieme. L’Abeti è una gara molto bella, prove selettive e zone paesaggistiche meravigliose. Il bilancio è stato più che positivo e siamo soddisfatti del lavoro svolto in gara.”

Un cuore che batte ora a metà, quello di Ceccato, tentato dalla voglia di continuare a calcare le speciali toscane ma con l’eco del Rally della Marca che si fa sempre più pressante.

“Decideremo cosa fare” – conclude Ceccato – “perchè ci piacerebbe essere al Marca ma anche al Città di Lucca. Grazie di cuore a Jteam, a MM Motorsport ed a tutti i nostri partners.”