Reduce da una prestazione altisonante nella Repubblica del Titano, a inizio giugno, il pilota di Montagnana punterà ad un posto al sole nel ventennale del Rose’n Bowl.

Un legame profondo e di vecchia data, quello che unisce Alfredo Accettulli alla Repubblica di San Marino e che si rinnoverà anche il prossimo fine settimana, in occasione della ventesima edizione del Rally Bianco Azzurro, Rose’n Bowl.

Una classica del rallysmo all’ombra del Titano, camaleontica nell’aver cambiato spesso il proprio format nel corso degli anni, passando dal misto terra ed asfalto in notturna ad altre varianti alla piena luce del sole, sino ad arrivare al rally ronde dei prossimi 4 e 5 di Settembre.

“La Repubblica di San Marino ha sempre avuto un posto speciale nel mio cuore” – racconta Accettulli – “ed infatti, impegni di lavoro permettendo, quando posso torno sempre a correre qui. Ho disputato svariati eventi, dal Rallylegend al Circuito di San Marino per non dimenticare il Bianco Azzurro. Ho anche corso spesso con navigatori sammarinesi, tra i quali ricordo con piacere l’amico Livio Ceci ma anche Diego Zanotti, con il quale ho corso lo scorso anno.”

Il pilota di Montagnana riprenderà da dove aveva interrotto la propria stagione, inanellando una prestazione d’autore al Circuito San Marino di inizio Giugno con una sesta piazza assoluta, prima di gruppo A e di classe S2000, al volante di una Peugeot 207 Super 2000 di New Star 3.

Squadra che vince non si cambia e sul sedile di destra troverà nuovamente posto Anna Dusi.

“A Giugno abbiamo ottenuto un risultato molto significativo per noi” – sottolinea Accettulli – “perchè abbiamo iniziato a trovare il giusto feeling con la vettura, calcolando che era soltanto la seconda volta che ci correvo, ma con la mitica Anna al mio fianco posso dormire sonni sereni.”

Una stagione più che positiva, quella sin qui vissuta dal portacolori della scuderia scaligera, forte di due podi in altrettante partecipazioni e con il peggior risultato, per così dire, ottenuto all’Adria Rally Show, al debutto sulla trazione integrale transalpina, con il secondo di classe.

Due soltanto gli irriducibili al via con le Super 2000, chiamati a fare gli straordinari per tenere testa alle regine della classe R5 nell’intento di contendere a loro i piani alti dell’assoluta.

Teatro della sfida sarà la sola “San Marino” (10,08 km), un’unica prova speciale da ripetere per quattro passaggi in sequenza, portando i concorrenti da Fonte dell’Ovo verso Chiesanuova.

“Abbiamo già corso qui” – conclude Accettulli – “ma sono passati davvero molti anni. L’ultima volta fu nel 2009 e quella ancora prima nel 2005. I ragazzi della Scuderia San Marino cambiano sempre qualcosa, il bello è anche questo, ma credo che il format della ronde potrà tornarci utile. Potremo avere riscontri diretti sui nostri tempi e sulla nostra crescita ma saremo agevolati anche nel lavoro da svolgere nelle ricognizioni del percorso. Siamo partiti bene con la nuova avventura sulla Peugeot 207 Super 2000, collezionando una vittoria qui ed un secondo ad Adria, in altrettante gare. Sarebbe bello poter mantenere questo trend positivo per il 2021.”