Raffaele de Rosa
Raffaele de Rosa

Il team Althea BMW Racing e il suo pilota Raffaele De Rosa hanno trionfato sul circuito spagnolo di Jerez de la Frontera, chiudendo la gara in sesta posizione, andando a vincere la Coppa FIM Superstock 1000 con la loro BMW S 1000RR. Si tratta del primo titolo in assoluto per il centauro napoletano, e del secondo titolo Stock per la squadra italiana, dopo quello vinto nel 2011. Nella gara SBK, i piloti Jordi Torres e Markus Reiterberger hanno concluso all’ottavo ed al quattordicesimo posto rispettivamente.

La gara è iniziata con un colpo di scena, quando la moto di Mercado, l’unico rivale di De Rosa per il titolo, si è fermata durante il giro di ricognizione, impedendo al pilota argentino di prendere il via in questa decisiva gara. Dal terzo piazzamento in griglia, De Rosa era consapevole di dover concludere la gara, e di ottenere almeno 8 punti per potersi aggiudicare il titolo. Partito bene, il partenopeo era settimo nelle prime curve, poi sesto al quinto giro. Senza voler prendere rischi inutili, ha saputo gestire la sua gara, mantenendo la sesta posizione, piuttosto staccato dai suoi avversari, fino all’ultima curva quando ha conquistato il quinto posto che ha mantenuto sino al traguardo, assicurandosi così la Coppa FIM Superstock 1000. E’ il primo titolo vinto da De Rosa, che chiude la stagione in prima posizione, con 115 punti, contro i 111 di Mercado.

In gara 2 da settimo in griglia, Torres ha perso qualcosa in partenza, trovandosi nono dietro a VD Mark e a Forés. Al settimo giro lo spagnolo è riuscito a sorpassare il suo connazionale, per passare ottavo. Nella seconda metà della gara Jordi ha corso in solitaria, staccato sia dai piloti che lo precedevano che da quelli che lo seguivano ed ha quindi tagliato il traguardo in ottava posizione finale.
Per Reiterberger è stata una gara molto simile a quella del sabato. Recuperato qualcosa all’inizio, il tedesco ha poi oscillato fra la decima e l’undicesima posizione fino a metà gara, dopodiché ha perso un po’ di terreno, per chiudere in quattordicesima posizione finale.
Manca solo un round alla fine del campionato 2016, Jordi Torres è ancora settimo con 195 punti; Reiterberger si posiziona invece 16mo con 81. BMW rimane quarta nella classifica dei costruttori con 216 punti, mentre la squadra Althea BMW è al quarto posto nella classifica dei team (281 punti).

Raffaele de Rosa: “Dedico questo titolo alla mia famiglia, che mi ha sempre sostenuto nei momenti difficili e a tutto il mio team; sono due anni che lavorano con me e gli sono davvero grato per tutto il loro aiuto. Onestamente la gara non è stata facile. Mi dispiace per Tati; quando ho visto che era fuori, la cosa mi ha destabilizzato, era un fatto inaspettato e di conseguenza ho dovuto cambiare la strategia di gara. Sicuramente ho girato un più lento del solito perché ero teso e non volevo commettere errori ovviamente. E’ qualche anno che lotto e sono quindi contentissimo del risultato che è arrivato dopo tutto il nostro lavoro di quest’anno…”

Jordi Torres: “Abbiamo cambiato la gomma anteriore per cercare maggior grip nella fase finale, ma purtroppo alla fine c’è stato lo stesso calo di prestazioni nel corso totale della gara. Abbiamo girato comunque con tempi più costanti rispetto a sabato, il che è buono, ma il risultato è stato alla fine simile. Nonostante il risultato finale, posso essere contento del fatto che ho dato il tutto dall’inizio alla fine, ho cercato di essere aggressivo e non ho commesso errori. Domani sfrutteremo la giornata di test per cercare delle soluzioni.”

Markus Reiteberger: “La gara non è stata positiva. Avevo trovato un buon feeling con la moto nei primi giri, assieme a un passo piuttosto veloce, ma dopo aver superato Giugliano le sensazioni sono cambiate e ho avuto difficoltà con la gomma anteriore, rischiando di cadere più di una volta. Come conseguenza ho fatto anche un errore, perdendo tempo. Sono ovviamente molto dispiaciuto per aver chiuso quattordicesimo. La squadra ha lavorato molto duramente e mi dispiace che i risultati non siano stati dei migliori. Spero che possiamo trovare qualcosa di positivo durante i test di domani”.

Genesio Bevilacqua: “E’ una giornata storica, sia per il nostro team che per la BMW. E’ qualche anno che cerchiamo di vincere questo titolo e sono felicissimo per il team, che ha fatto un grande lavoro con Raffaele e con i tecnici tedeschi. Un successo che dà il giusto merito al lavoro fatto da tutti e due, sia dal team sia dalla casa e sono molto contento. Abbiamo invece qualche problema da risolvere in SBK, e quindi dobbiamo lavorare ancora un po’ per cercare quelle prestazioni che possono sicuramente arrivare a breve. Non è stata una buona gara, mi aspetto di più e spero di poterci riscattare già in Qatar. Guardiamo al futuro con molto ottimismo visto che abbiamo fatto un piano di lavoro con BMW molto importante. Ritorno a fare i complimenti a De Rosa ed a tutta la squadra che ha lavorato in modo fantastico”.

Articolo precedentePorsche, Cayman GT4 Trophy Italia: al Mugello doppietta di Sabino De Castro
Prossimo articoloVolley, Club Italia A2, azzurrini ko 3-1 contro Tuscania