Stadio della Roma
Stadio della Roma

Marco Bellinazzo de Il Sole 24 Ore è stato ospite di Rete Sport, per spiegare le reazioni all’articolo che ha realizzato sulla presunta messa in vendita della Roma da parte di Pallotta. «Innanzitutto sono onorato del fatto che Pallotta e la Roma abbiano smentito l’articolo di un umile cronista come me. Ne prendo atto, ma resta il fatto che non ho bisogno di cercare notorietà. Avevo le mie fonti, i riscontri dovevano esserci. Nel caso di ieri affronto anche altri temi, altre società. Ho riscontrato che esiste un dossier relativo alla vendita della Roma: c’è effettivamente la volontà di sondare il mercato e lo si può fare per varie motivazioni. Si dà mandato per cercare soggetti interessati all’acquisto e questa valutazione si fa ad ampio raggio; se arrivano offerte, queste vengono portate all’attenzione della proprietà e si valutano. Questo non significa automaticamente che la Roma verrà venduta». Praticamente  se ci sarà lo stadio non si vende, altrimenti le cose potrebbero essere diverse? «Sì, sta nei numeri del bilancio questa situazione. Per mantenere l’impianto Roma ci sono costi alti. In alternativa per avere modo di mantenere la rosa devi avere ricavi in crescita e la Roma non li ha. Nonostante le plusvalenze e le speranze della società americana, la Roma ha il bilancio in rosso ed è sotto osservazione Uefa. Quindi, bisogna portare un aumento strutturale dei ricavi e questo lo fai solo con lo stadio. Altrimenti il business plan della Roma non farà il salto di qualità». Senza stadio però, chi dovrebbe comprare la Roma? «Vero. Quell’operazione è da 1 miliardo e 200 milioni e non si gioca solo su un piano burocratico. L’idea di un passo indietro potrebbe essere usata come acceleratore per sollecitare la politica. Stiamo parlando dell’opera più importante di Roma, di un’operazione in grande».

Pallotta ha definito il tuo articolo foolish, spazzatura. «La reazione dovrebbe essere proporzionata all’offesa e se è stata così forte la reazione forse qualche cosa di ciò che ho scritto è vero. Una caduta di stile che da Pallotta non mi aspettavo. Dei presidenti che hanno acquistato in Italia io ho sempre preferito il “romano”. Un po’ spiace». Esiste anche il fatto che l’80% dei candidati sindaci dice no allo stadio della Roma. «La miopia italiana da anni ci costringe a vedere questo spettacolo che specula sulle costruzioni. C’è un abisso tra Italia e Europa: il calcio è diventato industria. Se dobbiamo rinunciare a tutto per i comitati territoriali allora siamo indietro, senza per questo voler dare spago agli speculatori».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here