Giannattasio
Giannattasio

Lunedì 11 luglio è prevista  l’inaugurazione dello Stadio Giannattasio (Ostia), ristrutturato dopo gli interventi al manto erboso e alla pista che lo hanno interessato negli ultimi mesi. L’impianto, che versava in condizioni di estremo degrado nonostante ospitasse vari eventi sportivi oltre all’Educamp, il centro estivo Coni, grazie a questo restyling torna a essere ancora più funzionale e pronto ad accogliere sportivi e pubblico.

La ristrutturazione è stata possibile grazie alla convenzione siglata tra Roma Capitale e il Coni volta alla “realizzazione di interventi per la valorizzazione degli impianti sportivi”. Il via libera era arrivato dal commissario straordinario Francesco Paolo Tronca ad aprile. Il prefetto Tronca aveva approvato il passaggio temporaneo al Coni, che ha provveduto al restyling completo degli impianti per poi far tornare lo stadio al Comune.Lo stanziamento dei fondi era stato annunciato dal Consiglio dei Ministri che aveva messo a disposizione 100 milioni di euro per il triennio 2015-2017 per il recupero di strutture destinate all’attività sportiva presenti nelle periferie. Le risorse, provenienti dal ministero dell’Economia e Finanze, erano in seguito state trasferite al bilancio autonomo della Presidenza del Consiglio dei ministri e da qui al Comitato Olimpico Nazionale Italiano.

L’ex Stadio Stella Polare è rientrato nei primi 7 interventi individuati dal Coni. Nella lista, oltre all’impianto di Ostia, sono stati inseriti anche il Palazzetto dello Sport del Corviale, sempre a Roma; la Piscina Cardellino a Lorenteggio, a Milano; la Pista Pietro Mennea di Barletta; il Centro Sportivo Boscariello di Scampia, a Napoli; il Polo sportivo Piazza della Pace, a Reggio Calabria, e il Palazzo dello Sport del quartiere Zen, a Palermo.