Anna Magrino
Anna Magrino

Sabato 5 maggio ore 17, al Caffè letterario di via Garbini, 59 (Viterbo), Anna Magrino presenta il suo libro d’esordio in versi, Vibrazioni eterne dell’anima (Pagine editore). In dialogo con l’autrice, racconti e letture di Antonello Ricci e il pianoforte di Luigi Gentile. Metà del ricavato verrà devoluto all’AIL Viterbo (Associazione Italiana contro le leucemie i linfomi e il mieloma). In chiusura, aperitivo di saluto.

Nata a Viterbo, donna di “professione”, biologa per amore, mamma felice e innamorata della vita, Anna Magrino è diventata scrittrice “per caso”. Un giorno non molto lontano decide infatti di aprire i suoi pensieri al mondo: non più diario segreto insomma ma poesia. Poesie – i suoi lavori – a canzone libera (molto libera): Anna vi si confida, raccontando di sé ma anche delle emozioni e dei sentimenti altrui, rubati ogni giorno, ascoltando e osservando lo scorrere della vita quotidiana. L’iniziativa di sabato 5 maggio al Caffè letterario di via Garbini è volta – nell’onorare il ricordo di suo padre – al fine concreto di una buona causa: metà del ricavato verrà infatti devoluto all’AIL Viterbo. Nel corso dell’incontro l’autrice leggerà i propri versi e si confiderà in pubblico sulle note “amiche” e coinvolgenti del pianoforte del maestro Luigi Gentile. Al suo fianco, per condurre, raccontare e leggere a sua volta, Antonello Ricci. Al termine, aperitivo di saluto.

L’AIL, Associazione Italiana contro le leucemie i linfomi e il mieloma, opera per supportare la ricerca e per migliorare la qualità della vita dei pazienti ematologici sostenendoli nella loro personale battaglia per sconfiggere la malattia.

Nel luglio 1994 è nata l’A.I.L. Viterbo: l’associazione ha come fine istituzionale il sostegno alla ricerca e al Centro Clinico di Ematologia, che nel nostro territorio si occupa della diagnosi e della cura delle leucemie e delle altre emopatie neoplastiche, e il supporto alle necessità dei pazienti emopatici e dei loro familiari.
Nel corso di questi venti anni di attività l’AIL Viterbo, grazie alla generosità dei cittadini della provincia di Viterbo, è riuscita a raccogliere oltre due milioni di euro che sono stati impiegati per: finanziare la ricerca nell’ambito delle leucemie e delle malattie ematologiche; promuovere la formazione e l’aggiornamento professionale di medici, biologi, infermieri e tecnici di laboratorio; collaborare a sostenere le spese per il funzionamento del centro di Ematologia, e fornire personale amministrativo destinato all’espletamento di funzioni burocratiche e di collegamento tra AIL Viterbo e ASL Viterbo; assistere i pazienti e i loro familiari organizzando il servizio di ospedalizzazione domiciliare destinato ai malati ematologici e a quelli che, per età o per le condizioni di salute, hanno difficoltà a recarsi presso il centro di riferimento, permettendo loro di ricevere le cure direttamente presso la loro abitazione. È attivo inoltre uno sportello di consulting-familiare che, grazie al supporto di volontari formati presso il “Centro la Famiglia” di Roma, fornisce un aiuto psicologico ai pazienti e alle loro famiglie; finanziare l’acquisto di macchinari e attrezzature per l’UOC di ematologia di Viterbo; realizzare la CASA AIL, per permettere ai pazienti che vivono lontano di affrontare lunghi periodi di cura assistiti dai familiari.

Articolo precedenteMoto, l’ELF CIV fa tappa al Mugello
Prossimo articoloVolley, seniores maschile, il 7 maggio al via il primo raduno