La cinquantesima edizione del Rally Due Valli, corso tra Venerdì e Sabato, è stato un autentico crocevia per i destini di numerosi campionati e svariate serie.

Nell’evento maggiore, quello che racchiudeva i protagonisti del Campionato Italiano Assoluto Rally e del Campionato Italiano Rally Asfalto, a brillare è stato Walter Lamonato, in coppia con Beatrice Croda sulla Renault Clio Super 1600 di PR2 Sport, terzo di classe S1600 ma anche ottavo tra gli iscritti al CIRA e trentesimo assoluto al termine della due giorni scaligera.

Con questo risultato il pilota di Valdobbiadene rafforza il suo primato in campionato, a più diciotto sul compagno di colori Luca Frare, in vista di un Como nel quale giocarsi il banco.

Soddisfazione amplificata grazie ad un ottimo Marco Fanton, al secondo centro stagionale dopo quello del Colli Trevigiani con la sua Peugeot 106 Rallye gruppo A curata da Galiazzo.

In coppia con Ileana Contado il secondo portacolori di Rally Team ha sofferto in avvio per un problema di natura elettrica, prontamente risolto dal team, andando poi a vincere la classe A6.

Due Valli da dimenticare in fretta per Matteo Doretto, affiancato da Massimo Falomo su una Renault Clio Rally 5 di Gima Autosport, mai in grado di trovare il giusto ritmo per competere con i migliori e poi costretto ad abbandonare la compagnia, sulla quarta, per una toccata.

Dalle serie maggiori all’ultimo atto della Coppa Rally ACI Sport che, in zona tre, vedeva il coefficiente salire a quota 1,5, aumentando la posta in palio per chi ambiva alla finale.

Buon nono assoluto, di gruppo RC2N e di classe R5 – Rally 2 per Brian Panarotto, alle note Arnaldo Panato sulla Citroen C2 Rally 2 di Baldon Rally, soddisfatto del bottino ottenuto sulle strade di casa e di fronte al pubblico amico, alla sua seconda nella classe regina.

Rientro positivo, dopo vari mesi di assenza, anche per Michele Caliaro, ottavo nella generale ma anche in gruppo RC2N ed in classe R5 – Rally 2, in difficoltà nella scelta delle giuste coperture e poi rallentato dallo spegnimento della sua Skoda Fabia R5 di MM Motorsport.

Per lui, in coppia con Fabio Andrian, il tredicesimo posto finale nella serie griffata ACI Sport.

Iscritto con una Peugeot 208 Rally 4, assieme a Virginia Poddi, Roberto Campostrini si è visto costretto a dare forfait, ancora prima del via, per un problema di natura personale.

Quinto podio consecutivo, sesto stagionale, per Roberto Carlo Sbalchiero e la sua Renault Clio 3 in versione Racing Start, seguita da Leon Competition, con la quale ha concluso secondo di RS20 il weekend in provincia di Verona, stessa posizione al termine della terza zona di CRZ.

Dal Veneto alla Lombardia per un altro importante compleanno, quello del Rally del Sebino che festeggiava la sua decima edizione ed alla quale la scuderia di Rosà schierava tre punte.

Condizioni meteo particolarmente variabili non hanno impensierito Alessandro Baron, vincitore della classe A6 con Luca Mengon, a bordo di una Peugeot 106 Rallye gruppo A.

La ruggine accumulata dai cinque anni di assenza inizia ad andarsene a suon di risultati.

Primo ballo completato con il quarto posto di N2 ed uno scratch per il debuttante Damiano Osti, in coppia con Arianna Michelutti su una Peugeot 106 Rallye gruppo N di Team Autocar.

Uscita da un lungo tunnel, con il sorriso, per Gabriele D’Amico e la sua Fiat Seicento Kit, secondo nella A0, con Roberto Raniero, e felice per aver realizzato il sogno della sua vita.

Articolo precedenteUn “mare” di consensi per il Rally Terra Sarda
Prossimo articoloVentisettenne salentino vince al casinò di BetFlag 150 mila euro