La federazione internazionale judo ha sospeso tutte le competizioni internazionali previste in Tunisia e negli Emirati Arabi, in quanto le federazioni dei due Paesi non hanno dato garanzie sulla libertà di partecipazione di tutti gli atleti senza discriminazione per provenienza o religione.

L’Ijf ricorda «le situazioni passate in cui è avvenuto un rifiuto di far partecipare alle stesse condizioni tutti – con le loro insegne e inni nazionali – agli eventi». E sottolinea che «dopo ripetuti interventi passati, ha ufficialmente chiesto ai due organizzatori di fornire una lettera firmata dai governi che garantisse a tutte le nazioni di partecipare ai loro eventi in condizioni di uguaglianza». Garanzie che non sono arrivate, pertanto l’Ijf ha sospeso sia il Grand Slam di Abu Dhabi che il Grand Prix di Tunisi.