(EzR/Nadoc)

L’UnipolSai Bologna pareggia i conti con il San Marino nelle Italian Baseball series (17-7 il risultato finale). Venerdì sera, allo stadio di Serravalle, ai campioni d’Italia in carica è bastato praticamente un inning, il primo, per brindare alla vittoria, complice un inizio difficile di Di Raffaele, il partente scelto dal manager Doriano Bindi, che ha dato il la al riscatto felsineo dopo il ko subito al 12° inning di gara1. I padroni di casa, nonostante lo 0-6 dell’inning d’apertura hanno cercato di rifarsi sotto, arrivando veramente ad un passo dalla clamorosa rimonta, con quattro punti nell’ottavo assalto, prima di un ulteriore break da otto punti del Bologna, che ha messo a nudo le difficoltà locali sul monte, con sei pitcher utilizzati. San Marino ha firmato anche il quarto fuoricampo della serie con un colpo di Mattia Reginato (2/4). E’ arrivato anche il primo homer della serie per Bologna, firmato dal seconda base Ray Van Gurp (2/4).

La cronaca. Una disastrosa partenza del mancino Luca Di Raffaele (quattro basi ball, un lancio pazzo) con appena un eliminato, ha permesso alla Fortitudo (che ha collezionato anche cinque basi rubate) di mettere la testa avanti già dal primo inning. Inevitabile la sostituzione del partente, dopo appena cinque battitori, con Nicola Garbella. Il rillievo ha concesso subito un singolo a Loardi e Liberatore e un doppio alla recinzione a Bertossi, che hanno fatto lievitare il punteggio sul 5-0, prima del lancio pazzo del 6-0 con il quale s’è chiuso un attacco da dieci battitori.

I locali rispondono nella parte bassa con un punto: Scotti, autore di un ottimo incontro sotto gli occhi del manager della nazionale Mike Piazza e del suo staff, concede una base al lead-off Tromp e lo manda in seconda con un lancio pazzo. Ci pensa Angulo a portarlo a casa piazzando la pallina davanti a Dobboletta.

(EzR/Nadoc)

Nicola Garbella riesce a limitare le mazze campioni d’Italia prima di lasciare spazio al 4° a Marzocchi, dopo aver effettuato 84 lanci.

San Marino, che al 2° tentativo ha portato Reginato in terza (singolo) sul doppio di Albanese, ha messo un altro punticino sul tabellone al 4° con il solo homer di Mattia Reginato.

La partita s’infiamma al 5°: Scotti mette in base Ferrini, in seconda su lancio pazzo e in terza sulla valida di Celli (inizialmente gli arbitri hanno chiamato out, decisione poi corretta dall’instant replay). Cambio del pitcher, con Bassani che fa battere su Dreni: l’errore di presa fa segnare all’esterno centro in maglia rossa il punto del 6-3. L’UnipolSai torna a segnare al 6°, dopo quattro turni di astinenza, Van Gurp firma la prima valida delle sue Italian Series, va in seconda su palla mancata, in terza grazie a Martini (il migliore a 4/5), colpito, e a casa sulla volata di sacrificio di Marval. La difesa di casa evita altri guai con il terzo doppio gioco difensivo di serata. E un double play di Bologna, a basi cariche, evita l’avvicinamento di San Marino. Van Gurp con un gran fuoricampo firma l’8-3, prima del 9-3 sulla volata di sacrificio di Leonora. San Marino non molla e al cambio di campo si avvicina approfittando del poco controllo di Bassani e del suo rilievo Crepaldi per arrivare al 9-5. La bella valida di Sechopoulos porta poi i locali addirittura a meno due. Al 9°, però, con le basi cariche Bologna riallunga definitivamente segnando altri sei punti, con il singolo di Martini, la base a Marval, la volata di sacrificio di Leonora, i tripli di Liberatore e Bertossi e un errore che fanno lievitare il punteggio sul 17-7.

Martedì l’Ibs tornerà al “Gianni Falchi” per la terza sfida, con i lanciatori stranieri sulla collinetta.