Edizione tutta italiana per il Premio Presidente della Repubblica GBI Racing (gruppo 2, 202.400 euro, 1800 m) di domenica 14 maggio all’ippodromo Capannelle, clou dell’ormai tradizionale Dubai Day.
Cinque i partenti, quattro dei quali presentati dal team Botti. Per Un Dixir (Azienda Agricola Mariano) è un fascinoso imbattuto, fratellastro di Dylan Mouth, che ha iniziato a correre solo quest’anno e resta sul successo in listed nel Signorino.
Voice of Love (Effevi) è forte della vittoria autunnale nel Piazzale e di quella recente nell’Ambrosiano, entrambe sul compagno di colori Circus Couture che però nella circostanza non ci sarà: al suo posto Time To Choose, che ha vinto sei delle nove corse disputate fin qui e che è la scelta del fantino di scuderia Fabio Branca. L’ultimo dei cavalli allenati a Cenaia è Basileus (Michela Crecco): sembra aver smarrito la strada che porta alla vittoria, tuttavia i piazzamenti nel Ribot e nel citato Ambrosiano lo hanno visto sempre generoso protagonista. Unico e serio avversario dei ‘cenaiani’ sarà Greg Pass (Scuderia Incolinx – Il Cavallo in Testa), che in questa stagione non ha sbagliato un colpo siglando Natale di Roma e Bereguardo e che sempre sul miglio a novembre si era imposto nel Ribot. Sembrava destinato a restare sui 1600 metri, puntando al Vittadini, e invece il suo team ha deciso di riportarlo a Roma per il Presidente.
Molta attesa anche per le due prove riservate ai cavalli purosangue arabi tra le quali spicca il Premio Dubai International Arabian Races, listed riservata ai 4 anni e oltre, che ha raccolto ben sedici partenti: quattro gli arrivi dall’estero, ovvero Meblsh, Nil Ashal, Nil Aziz e Ramil Al Aziz.

L’albo d’oro
Fino al 1955 la corsa si è chiamata Premio Omnium, l’edizione del 1944 si è disputata a Milano. Dal 2016 la distanza è quella dei 1800 metri: in precedenza dal 1968 si correva sui 2000, fino a risalire ai 3500 della prima edizione datata 1879. Tra i proprietari presenti quest’anno, tre sono le vittorie per la Scuderia Incolinx (Altieri 2004 e 2005, Selmis 2009), e una per la Effevi (Crackerjack King 2012). Tra gli allenatori, invece, tre vittorie per i Botti (Crackerjack King 2012, Vedelago 2013, Cleo Fan 2015) mentre tra i fantini, due vittorie per Dario Vargiu (Falbrav 2002, Diplomat 2016), una per Fabio Branca (Crackerjack King 2012).

Articolo precedenteIppica, appuntamento a Modena con il GP Giovanardi
Prossimo articoloNuoto, Monterotondo, la stella è stata Luca Dotto