IRC Sport, promoter di International Rally Cup, ha archiviato la ventunesima edizione del campionato proposto in sinergia con Pirelli ufficializzando le classifiche finali, assoluta e di raggruppamento. Ad elevarsi campione è stato lo sloveno Bostjan Avbelj, protagonista di una progressione alimentata da due secondi posti assoluti, sulle strade del Trofeo Maremma e del Rally Internazionale del Taro e due primati concretizzati al Rally Internazionale Casentino ed al Rally Città di Bassano, appuntamento conclusivo della kermesse. Un percorso vincente, quello del pilota di MS Munaretto, team che ha messo a sua disposizione la Skoda Fabia Rally2. Sui restanti gradini del podio si sono installati il friulano Luca Rossetti ed Andrea Nucita, anch’egli protagonisti al volante di Skoda Fabia Rally2. Entrambi i piloti sono stati limitati da un ritiro ciascuno, rispettivamente al Trofeo Maremma ed al Rally Internazionale del Taro.

La classifica di IRC Challenge, riservata ai conduttori che non hanno mai vinto una gara nei campionati di riferimento nazionali, tra i quali International Rally Cup, ha visto prevalere Nicola Sartor. Al volante di una Skoda Fabia Rally2, il veneto ha regolato Michele Rovatti, secondo sul podio ed Antonio Rusce, terzo. Il Trofeo Due Ruote Motrici Prestige è andato nelle mani del pisano Mirco Straffi, pilota che ha interpretato i quattro appuntamenti proposti su Peugeot 208 Rally4, vettura che ha utilizzato anche Giacomo Guglielmini, pilota che ha partecipato al confronto a partire dal secondo appuntamento in programma, il Rally Internazionale del Taro. Sul terzo gradino del podio si è insediato il francese Cyril Audirac che – come nella precedente edizione di IRC – ha avuto a disposizione una Renault Clio S1600. Grande agonismo nel Trofeo R2B, categoria che ha valorizzato le vetture aspirate differenziandole dalle più recenti versioni turbo della classe Rally4: a vincere è stato Gabriel Di Pietro, primo anche tra gli Under 25, seguito da Nicholas Cianfanelli ed Alessandro Zorra, terzo a pari punti con Daniele Silvestri ma privilegiato nel confronto grazie alla discriminante del punteggio acquisito in classifica assoluta. Nel Trofeo Due Ruote Motrici Sport – che ha interessato gli esemplari delle classi A6, K10, N3, N2, Rally5, R1 e Racing Start, la vittoria è andata a Christian Buccino: l’uscita di strada della sua Honda Civic nell’ultima manche di campionato non ha compromesso i toni di un primato conquistato davanti a Fabio Breglia e Fabio Oppici, rispettivamente secondo e terzo su Citroën Saxo e Peugeot 106. La classifica relativa al raggruppamento N5, R4, N4 e Rally3 ha sorriso a Pierdomenico Fiorese, su Mitsubishi Lancer, vincitore davanti a Gianluca Crippa e Paolo Olivo.

Ad elevarsi nella classifica Over 50 è stato Marco Belli (Skoda Fabia Rally2), pilota che ha legato la propria carriera ad International Rally Cup. Tra gli Under 25, alle spalle del vincitore Gabriel Di Pietro si sono classificati Mirko Carrara e Davide Vigna mentre a primeggiare nella classifica team è stata la bergamasca PA Racing. IRC Sport ha destinato alla sua ventunesima proposta un montepremi quantificato in 288.000 euro.

 

Articolo precedenteMalagò e Rossi alla presentazione del campo di Chatillon
Prossimo articoloCalcio, BetFlag, Italia favorita ma non troppo contro l’Austria