Da oggi la città di Roma e la Regione Lazio hanno un nuovo centro vaccinale. Questa mattina alle 8 le prime 450 persone erano già in fila. Ai primi 100 vaccinati la maglietta ricordo. “Mi sono vaccinato nel Centro dei Campioni, Polo Acquatico Frecciarossa”. L’hub resterà aperto sino a dicembre. E’ dotato di 10 cabine operative per 12 ore al giorno e si stimano 600 vaccini quotidiani che potrebbero arrivare a 1000. Con questo gli hub del Lazio salgono a 130. Ai quali si aggiungono 10 grandi hub dove si può arrivare anche a 3000 vaccinazioni al giorno.
All’inaugurazione dell’hub Asl Roma 3 all’interno del Centro Federale di Ostia, con il Presidente della Federazione Italiana Nuoto Paolo Barelli, sono intervenuti il Commissario Straordinario Generale Francesco Paolo Figliuolo, il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, il Capo Dipartimento della Protezione Civile Fabrizio Curcio, il Direttore Generale della ASL Roma 3 Marta Branca, la Presidentessa del X Municipio Giuliana Di Pillo, l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato.
Il Polo Acquatico Frecciarossa di Ostia è il Centro Federale dove vivono, si formano e si allenano i campioni. Il primo Centro Federale che si presta a questa iniziativa. Non poteva essere altrimenti per una Federazione che attraverso le discipline acquatiche, dalla base sino all’alto livello, plasma, forma e cresce atleti e promuove la cultura dell’acqua.
In accordo con Regione Lazio e Asl Roma 3, la Federazione Italiana Nuoto – concessionaria del Polo Natatorio da parte di Roma Capitale – ha individuato l’area operativa allestita nella zona ovest dell’impianto, con un grande ambiente coperto per accoglienza, triage, vaccinazione e osservazione, uffici per medici, paramedici e operatori e parcheggio scoperto. La zona riservata alle vaccinazioni rimane del tutto separata da quella funzionale a raduni e allenamenti degli atleti di interesse nazionale con l’accesso a piscine, palestra, foresteria, punti ristoro e riunioni.
Al fianco degli operatori sanitari e del personale autorizzato della Federazione Italiana Nuoto, a supportare le operazioni di accoglienza e gestione dei pazienti, anche sei volontari della Protezione Civile: sono Nevia, Francesco, Mauro, Roberto, Antonio e Cristina del Nucleo Operativo “Alfredo Rampi”.

Le parole del presidente della Federnuoto Paolo Barelli. “Abbiamo messo a disposizione una parte del Centro federale di Ostia per i vaccini. Rimarrà aperto per sei mesi. Il nuoto occupa l’attività fisica di circa cinque milioni di italiani, come confermato dai dati statistici, quindi la Federazione Italiana Nuoto con le sue duemila società vive tra la gente ed è orgogliosa di dare un contributo che potremmo replicare anche negli altri nostri centri federali sparsi nel resto del Paese. Adesso ci auguriamo che anche le piscine coperte riapartano quanto prima, ovviamente in sicurezza. Sappiamo che il Presidente della Regione Lazio Zingaretti e il generale Figliuolo hanno a cuore il nuoto e per questo crediamo che le piscine in sicurezza possano e debbano riprendere le loro attività, con tutte le cautele possibili, perché sono ambiti di eccellenza gestiti al 99% da società sportive che vivono da ormai da oltre un anno una drammatica situazione di difficoltà”.

Le parole del commissario straordinario per l’emergenza Covid 19 Generale Francesco Paolo Figliuolo. “Questo è un altro esempio di bella Italia: la sinergia tra Federazione, Roma Capitale, Regione Lazio e tutti gli operatori della Asl Roma 3.Il segnale è importante: se ci vacciniamo in fretta riapre anche lo sport: la mente e il fisico sono un connubio indissolubile. Io sono un nuotatore amatoriale; mio figlio è stato nel giro della nazionale da giovanissimo e quindi mi fa piacere di essere presente all’inaugurazione dell’Hub nel Centro Federale di Ostia. Ad oggi risultano 20,7 milioni di somministrazioni a fronte di 24,7 milioni di dosi consegnate: abbiamo 4 milioni di vaccini da impiegare nei prossimi giorni, fino ai nuovi arrivi previsti per il 6 maggio: la campagna sta procedendo nei tempi che mi ero prefigurato. Dobbiamo impiegare tutto quello che abbiamo, solo così la campagna vaccinale potrà rispettare i tempi stabiliti. Astrazeneca è stato consigliato per determinate classi di età ma Ema dice che va bene per tutti. In Gran Bretagna lo hanno fatto in 21 milioni di persone, ci sono effetti collaterali infinitesimali. E’ probabile che in sede di ‘rolling review’ si arrivi a raccomandare AstraZeneca anche agli under 60. Ne sto parlando con Iss, con l’Aifa e con il Cts dell’Aifa. Faccio un appello a tutti i presidenti delle regioni e devo dire che nel Lazio è già stato accolto perchè sono al livello di numeri uno su questo, di seguire il piano vaccinale: over 80, 70-79, over 65. Non disperdiamo le dosi in altri rivoli. Vaccineremo a brevissimo tutti gli atleti che devono andare a fare le Olimpiadi. Anche questo è un segno dell’Italia che riparte”.

Le parole del Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. “La parola d’ordine per vincere è collaborazione. Tra livelli diversi dello Stato, con i territori, con chi produce e, in questo caso fa sport. Grazie alla Federazione Nuoto, è stato un bellissimo segnale. di fronte alla grande missione di vaccinare in breve tempo 50 milioni di italiani la strada da percorrere era esattamente questa chiamare a collaborare l’Italia migliore e questa strategia sta funzionando. Di fronte alla grande missione di vaccinare in breve tempo 50 mln di italiani, la strada da percorrere è chiamare alla collaborazione l’Italia migliore, e questa strategia sta funzionando. Dietro ogni risultato c’è la passione di decine di migliaia di donne e uomini, personale sanitario, forze dell’ordine, volontari e professionisti. In questa Italia, dove a volte sembra non funzionare nulla, magicamente stiamo diventando una grande comunità che si dedica a salvare vite umane e a riaccendere i motori della ripresa economica.Noi già oggi segniamo un grande risultato che è l’aver messo in sicurezza i nostri anziani. Noi non possiamo dimenticare il 3 maggio dell’anno scorso e il numero altissimo di anziani morti in quei giorni. Il virus è ancora tra noi e se da un anno e mezzo questa regione è stata quella con più giorni in zona gialla, è perchè’ nonostante i risultati non smettiamo di ricordare di continuare a prestare attenzione. Anche per questo la Regione Lazio ha stanziato 3,5 milioni di euro per le spiagge sicure, così da poter andare al mare in sicurezza, senza dimenticare l’importanza dei comportamenti di tutti”.

Le parole della Presidentessa del X municipio Giuliana Di Pillo. “Esprimo grande ammirazione per quello che la Regione Lazio e l’Asl stanno facendo in questi mesi. Ci tengo a ringraziare, in primis, la sindaca di Roma Capitale Virginia Raggi, perché ricordo che questo è un impianto di Roma Capitale. E tutto quanto può essere realizzato grazie a Roma Capitale”.

Le parole del capo Dipartimento della Protezione Civile Fabrizio Curcio. “Si realizza un punto di vaccinazione che rispecchia quello che è il sistema oggi. Siamo quasi a 15 milioni di somministrazioni, il che vuol dire che un quarto della popolazione italiana ha avuto la prima dose di vaccino. Si tratta di un valore molto importante, anche perché gli italiani da vaccinare sono meno di 60 milioni. Io credo che questo sia un elemento che deve far comprendere lo sforzo del Paese. Siamo orgogliosi di questo nuovo hub vaccinale che deriva dalla parte sportiva del Paese, un settore importante, per i giovani e meno. Il fatto che una struttura dedicata al nuoto venga messa a disposizione della cittadinanza è un segnale importante. Tramite questo hub velocizzeremo il processo di vaccinazione e quindi il ritorno alla normalità”.

Le parole dell’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato. “Ieri abbiamo raggiunto il punto più basso dei decessi in Italia e nella nostra regione. Questo mese raggiungeremo i 50mila vaccini al giorno. Oggi verranno consegnate oltre 60mila dosi di AstraZeneca ai medici. Non ci sono vaccini di serie a o b. Sono tutti importanti per l’immunizzazione e la riduzione delle complicanze. Stasera apriremo le prenotazioni per la classe di età 56-57 anni. Dal Polo Natatorio di Ostia arriva un messaggio di speranza per l’adesione alla campagna vaccinale dei più giovani, essendo il Centro Federale un luogo frequentato prevalentemente da sportivi. Noi siamo pronti anche a vaccinare gli atleti che parteciperanno alle prossime Olimpiadi di Tokyo se le autorità competenti ci autorizzeranno”.

Le parole del direttore generale dell’Asl Roma 3 Marta Branca. “Questo centro vaccinale è stato fortemente voluto dalla Regione, con la collaborazione della Federnuoto cui dobbiamo dire grazie. Nel territorio arriva un nuovo Hub più grande che consentirà alle persone di vaccinarsi in massima sicurezza, gli spazi sono grandissimi e la posizione, che è a un passo dal mare, ispira relax”.