Il decennale dello Slalom Sette Tornanti porta bene ad Omega ed il bilancio dello scorso weekend, al termine della trasferta trentina, è a dir poco consistente.

Tre i portacolori della scuderia di Verona sotto i riflettori, a partire da un Alessandro Zanoni che si è confermato, ancora una volta, in un ottimo stato di forma, centrando una terza piazza assoluta, prima di gruppo E2SS e di classe E2SS1600, che ha lasciato un po’ di amarezza.

Un risultato prestigioso, ulteriormente valorizzato dalle molteplici validità di questa edizione del Sette Tornanti: Campionato Italiano Slalom, Trofeo Nord e Trofeo Veneto Trentino +.

Il pilota di Sant’Ambrogio di Valpolicella, alla guida della Gloria C8P, rafforza così il primato in un TVT+ che, al giro di boa, lo vede al comando con un buon margine sugli inseguitori.

“Il Sette Tornanti è una gara che mi piace molto” – racconta Zanoni – “ed ho sempre fatto bene su questo tracciato. Onestamente speravo in un quinto assoluto come miglior risultato, data la valenza per l’italiano, e non mi aspettavo di poter essere così competitivo contro dei professionisti. Con un treno di gomme nuove in più avremmo anche potuto giocarci la vittoria ma va bene così. Grazie ad Omega, ai ragazzi di Rope Motorsport ed a tutta la mia famiglia. Un grazie particolare a My Powershift per lo strepitoso cambio al volante e per i tanti consigli.”

Sorride anche Riccardo Pisa che, con la sua A112 Abarth iscritta da Alpha, è salito sul terzo gradino del podio in E1 Italia, mettendo in riga vetture dotate di una cavalleria maggiore, oltre che piazzare l’ennesimo successo in una classe E11150 troppo spesso disertata.

“Con la nostra piccola A112” – racconta Pisa – “abbiamo ottenuto un gran bel risultato in E1 Italia. Ci siamo giocati tutto sulla prima manche, andata bene, mentre sulla seconda ho accusato un problema all’alternatore e sulla terza ho commesso un piccolo errore di guida. Grazie a mio padre Alfredo, al manager Giuseppino Tomba, ad Omega ed a chi mi sostiene.”

Secondo centro stagionale consecutivo per Christian Manzoni e la sua Citroen Saxo gruppo N.

Il pilota di Bergamo, iscritto da Alpha, ha fatto nuovamente la voce grossa nel produzione, dominando sia la classifica di gruppo che la N1600 e rilanciando le proprie quotazioni in un TVT+ che lo vede ora al quinto posto, a meno di tre lunghezze dalla seconda casella.

“Conosco questo tracciato da un po’ di anni” – racconta Manzoni – “e devo dire che siamo andati molto bene, assecondati da una vettura che non ci ha mai dato nessun tipo di problema. Già dalla prima manche siamo stati in testa, alla classe ed al gruppo, ma la cosa più strana è stata quella di aver segnato lo stesso tempo, al millesimo, in gara 1 ed in gara 2. Abbiamo portato a casa punti importanti per il TVT+ e siamo in piena lotta, pur avendo saltato una gara.”

Ciliegina sulla torta il terzo posto assoluto nella classifica riservata alle scuderie.

Articolo precedenteTcr Italy, Imola chiave nel destino di Trentin
Prossimo articoloSofia Littamè, reginetta europea tra le junior di Trap