Roberta Trucco sarà a Bookcity Milano il prossimo 20 novembre per presentare il suo romanzo “Il mio nome è Maria Maddalena” (edito Marlin Editore) e per incontrare il pubblico a partire dalle ore 16:30. L’autrice dialogherà con Marcella De Carlo Ferrari. Maria Maddalena ha 22 anni e vive a Los Angeles. Studia Antropologia all’Università della California (UCLA) e coltiva un sogno: andare in Amazzonia grazie a un progetto universitario. Esclusa dalle selezioni, decide di affittare il suo utero. Ha bisogno di guadagnare alla svelta dei soldi che le consentano di andarci in modo autonomo. La sua vita però si complica quando, in seguito alla fecondazione in vitro, rimane incinta di due gemelli. Nel frattempo, l’Università la richiama: la sua candidatura al progetto in Amazzonia era stata respinta per errore.

Il romanzo s’intitola “Il mio nome è Maria Maddalena”, Marlin editore, alla terza edizione (collana Il portico – www.marlineditore.it). L’autrice, Roberta Trucco, genovese, è una scrittrice esordiente di 53 anni. Femminista tardiva ma tenace, scrive per diverse testate, ha curato per Nutrimenti e Castelvecchi i libri di suor Teresa Forcades, teologa femminista promulgatrice della teologia queer e ha fondato, nella sua città, il comitato “Se non ora quando”. Da allora collabora con molte donne, voci autorevoli del femminismo contemporaneo, tra cui Francesca Izzo, Licia Conte, Cristina Comencini, Sara Ventroni, Serena Sapegno, Rita Cavallari e molte altre, nelle battaglie per i diritti delle donne.

Coinvolgente e appassionante, “Il mio nome è Maria Maddalena” colpisce per il ritmo, interiore e narrativo, della scrittura e per la cura in ogni parola, descrizione, immagine, raggiungendo un’efficace combinazione di trasparenza, limpidezza quasi, e apertura alla complessità al tempo stesso. L’attenzione alle sfumature, in un’apprezzabile alternanza di voce narrante della protagonista e descrizione dei tumulti interiori degli altri personaggi, acquisisce forza nel racconto del mondo alternativo di un’Amazzonia tratteggiata con colori, suoni, pensieri, emozioni evocativi. Il confronto/scontro Oriente/Occidente e la crescita graduale della figura di Maria Maddalena risultano al servizio di una scrittura che apre nuove domande.

Nel romanzo di Roberta Trucco, il tema delicato, controverso, politicamente scorretto, ma correttissimo dal punto di vista del rispetto della stessa natura umana, è quello dell’utero in affitto e della maternità surrogata, del corpo delle donne messo alla mercé del desiderio altrui nel nome del dio denaro.  «In questo caso si tratta di un desiderio di genitorialità che, con la forza dei soldi, non ha riguardo di nulla, nemmeno di andare a comprare, legalmente autorizzato, la parte più intima di una donna, che è quella di mettere tutta la sua fisicità nel diventare madre. Un corpo che si lascia forzare per bisogno, vendendo e affittando. E l’interesse economico è talmente forte da fare di questo argomento un tabù, che è meglio sottrarre a qualunque discussione», sottolinea l’autrice.

Per l’ambientalista Grazia Francescato, autrice della postfazione, lo «scontro arcaicità/modernità percorre l’intero libro come un filo guizzante e carsico. Il ventre gravido di Maria Maddalena si innesta nell’immenso ventre della Foresta, (…). Instradata dalla saggia bambina Arepuchi, eletta a sua guida spirituale, e nutrita dagli ancestrali riti tribali della comunità che sta studiando e con cui vive, Maria Maddalena sente sciogliere dentro di sé il nodo gordiano dei dilemmi avvitati alla ‘maternità moderna”. Ma, molto di più, approda alla consapevolezza che la cosmovisione indigena, basata sulla sacralità della Pacha Mama (la Madre Terra) e dell’interdipendenza di tutto il vivente, è nutrimento necessario, anzi indispensabile, per noi occidentali in questo inquietante inizio di Millennio. “La conoscenza di queste popolazioni ci può salvare dal buco nero in cui ci siamo cacciati. Non c’è tecnologia che può insegnarci a vivere, dobbiamo ripensarci antropologicamente.” A identica conclusione sono arrivata io, attraverso decenni e dopo numerosi viaggi e periodi di vita trascorsi con le etnie indigene dell’Amazzonia», scrive Francescato.

In Amazzonia Maria Maddalena ritrova il contatto viscerale con la natura, col senso stesso di umanità e di maternità, che è fatto di anima e sangue. La narrazione è veloce, ricca di fantasia e a tratti ironica, spesso spiazzante. Non proclama nessuna sentenza, spingendo il lettore a interrogarsi, senza sottrarsi a più punti di vista.

 

Articolo precedentePremio “Semplicemente donna”, ancora un successo
Prossimo articoloPallanuoto, Roma Vis Nova premiata con il Trofeo del Giocatore 2022