A distanza di 17 mesi dall’ultima competizione, il mondo del cheerleading si ritroverà nuovamente in pedana. Il 2 giugno a Verona, presso la tensostruttura dell’AGSM forum, nei pressi dello stadio Bentegodi all’interno di Sport Expo, andrà in scena il campionato nazionale CSI di Cheerleading e Performance Cheer, con centinaia di atleti in arrivo da ogni parte d’Italia ed anche da oltre confine.

Saranno infatti 15 le società sportive presenti, con complessivi 600 partecipanti che si daranno “battaglia” dalle 9.30 alle 17 per un totale di 66 esibizioni a ciclo continuo. In questo sport faticoso ed impegnativo che lega danza, ginnastica ed acrobatica, si spazia infatti dai sollevamenti e lanci (stunt), ai salti (jump) per finire con le piramidi.
Sono tre le categorie in gara, Youth, Senior e Junior nel primo campionato nazionale di Cheerleading e Performance Cheer, nelle specialità principali (free style, jazz hip hop).
All’interno dell’evento vi sarà inoltre Cheer Sport League dedicata alle small categories. In ottemperanza alle disposizioni vigenti in materia di prevenzione della diffusione del Covid-19, l’evento si svolgerà senza la partecipazione del pubblico. L’accesso alla struttura sarà consentito solo agli atleti in gara, ai loro allenatori ed al personale strettamente necessario per la corretta gestione della competizione.

 

«Organizzare una manifestazione così imponente in un momento storico del genere è stato sicuramente molto faticoso – spiega Ivo Sequani, responsabile nazionale della commissione tecnica CSI di questa disciplina – ma è anche una soddisfazione enorme perché questa è una data che riteniamo anche simbolica in quanto rappresenta un inizio di ritorno alla normalità. Verona per un giorno sarà invasa dai nostri ragazzi che con i loro sorrisi porteranno sicuramente anche tanto entusiasmo. Sarà una giornata di sport e divertimento come è nello stile del cheer».