Ifl
Dolphins e Aquile soffrono ma tengono il passo nel Girone Sud

Non sarà facile smacchiare i Giaguari. Se ne sono accorti anche i Lions Bergamo, che sembra non digeriscano i derby con i felini. Il secondo turno della massima divisione festeggia il primato nel Girone Nord di una squadra che non appariva, almeno sulla carta, destinata a occupare quel posto. Da vertice anche il secondo successo esterno contro una grande dei Rhinos Milano, che dopo essere passati a Bolzano, fanno altrettanto a Parma. Segnale importante per il campionato che saluta il riscatto dei Seamen sui Giants Bolzano. Nel Girone Sud Dolphins Ancona e Aquile Ferrara salgono 2-0, ma senza passeggiare sulle rispettive avversarie. I Dolphins hanno bisogno della ripresa per avere la meglio sui Guelfi, così come le Aquile contro i Grizzlies, ai quali non bastano i primi due touchdown stagionali per evitare lo 0-2 in classifica. Sia romani che toscani sono sembrati in progresso rispetto alla prima uscita e le porte dei playoff sono un traguardo ancora possibile.

I resoconti della seconda giornata

Seamen Milano-Giants Bolzano 21-14 (14-0) La partita del riscatto, dopo il KO all’esordio per entrambe le squadre, che premia i campioni d’Italia in carica, grazie a una difesa che ha tenuto a zero gli avversari fino alla metà dell’ultimo quarto. Dopo una prima fase equilibrata, i Seamen sono saliti 14-0 (Fiammenghi e Sorteni) e preso in mano le redini del match. A inizio ultimo quarto il touchdown di Fioriti ha fissato il 21-0, un solco decisivo, limato solo nel finale dalle segnature di Gallina e Peterson. Diverse situazioni da rivedere da una parte e dall’altra nei reparti offensivi, che potenzialmente dovrebbero essere esplosivi.

Dolphins Ancona-Guelfi Firenze 26-14 (14-14) Splendida partita tra Dolphins e Guelfi, rimasta in assoluto equilibrio nel primo tempo, con due lanci da td (Mosca e Petrilli) del qb dorico Kasdorf replicati da quello gigliato Dobson prima con un lancio (Bardini) e poi con una corsa in end zone. Nella ripresa la difesa di casa non ha concesso più nulla mentre Kasdorf ha trovato prima una soluzione personale e poi Marchini per il 26-14. Ancona conferma le sue ambizioni, Firenze invece porta a casa la seconda sconfitta, ma anche la consapevolezza che può dar fastidio a qualsiasi avversario nel Girone e i playoff non sono un obiettivo irreale.

Lions Bergamo-Giaguari Torino 23-28 (17-14) Fenomenale inizio dei Lions che si sono portati sul 17-0 (Vecchi, FG Marone e Gregorio), ma i Giaguari hanno retto mentalmente ed hanno chiuso il primo tempo già a -3 (Cotrone e Mella). Nella ripresa la differenza è stata fatta dagli errori degli orobici, che hanno perso tre palloni decisivi per la rimonta dei piemontesi, guidata dal quarterback Arduino (lancio per Morelli e poi corsa personale in end zone). Allo scadere Moore ha in parte riscattato i due intercetti subiti nell’ultimo quarto con una corsa da touchdown, ma era ormai troppo tardi per poter rovesciare di nuovo l’esito della gara. Torino sogna un posto al sole, Bergamo si lecca le ferite in attesa di tempi migliori.

Aquile Ferrara-Grizzlies Roma 21-13 (7-7) Conferma per le Aquile Ferrara che soffrono la voglia di riscatto dei Grizzlies solo per un tempo, ricco di errori per entrambe le squadre. Sono stati gli Orsi a passare per primi (Hoffman) allo scadere del 2° quarto, ma la replica è arrivata immediata da un lancio di Scaglia per Mc Colluch. Nella ripresa le Aquile hanno allungato sul 21-7 (Mc Colluch e Chiappini) e solo nel finale i Grizzlies sono riusciti a segnare il touchdown (Gargano) che ha reso la sconfitta meno pesante e in teoria ribaltabile nel match di ritorno. La realtà del momento è che le Aquile restano in vetta al Girone Sud in compagnia dei Dolphins e i Grizzlies in coda ancora senza vittorie.

Aquile Ferrara
Conferma per le Aquile Ferrara

Panthers Parma-Rhinos Milano 15-27 (9-14) Splendida vittoria dei Rhinos Milano, che con questa seconda scorribanda esterna contro una delle quattro semifinaliste della passata stagione, si candidano sicuramente per un posto al sole. Guidati da un Pryor senza sbavature e protetti da una difesa che ha braccato Monardi per tutto l’arco del match, i Rhinos hanno tenuto in mano l’inerzia del match fin dalle prime battute. Dopo un primo tempo chiuso sul 14-9 (Arioli e Pryor, replicati da un field goal di Diaferia e da Wilson), i milanesi hanno allungato fino al 27-9 (Ricciardulli e Ciamarra), prima che Alinovi accorciasse sul 27-15 a 4’ dal termine. Difesa lombarda che ha chiuso poi definitivamente a chiave il match.

Classifiche
Girone Nord: Giaguari, e Rhinos 1000 (2-0), Panthers e Seamen 500 (1-1), Giants e Lions 0 (0-2).
Girone Sud: Aquile e Dolphins (2-0), Marines (1-0) 1000, Warriors (0-1), Guelfi e Grizzlies (0-2) 0.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here