di Giovanni Berti
Ce stà Maicor Magliers che stà ar gabbio da quarant’anni, che già qui er pubblico italiano dovrebbe fà la faccia da pesce stupito e esclamà “ohhh” e “anvedi”, tanto nun è abbituato a vedè ggente rinchiusa tutto ‘sto tempo. A ogni modo, Maicor nun stà ar gabbio quarsiasi, ma ar gabbio pissichiatrico perché lui è er Male Assoluto e ‘r Male Assoluto nun è che lo poi mette in cella inzieme al ladro der Carefur o allo smerciatore di cineserie farlocche; anche se – e qui ravviso er primo buco de sceneggiatura – nun me pare plausibbile che un giudice possa scrive in una sentenza: “ner nome der popolo ‘mericano, condanno er Male Assoluto….”; nun me sembra credibbile, insomma, che ci sia ‘n articolo der codice penale che preveda la fattispecie der Male Assoluto. Ma vabbé, lasciamo perde che deve rimette l’orologgi pe’ l’ora solare e cercà la zanzara maledetta pure lei che stanotte m’ha aggredito ripetutamente e me vojo sbrigà. Maicor è un tipo riservato e discreto tanto che nun parla, nun parla da quarant’anni, nun ha mai parlato.

E questo certamente je fà onore, considerato pure che conosco un sacco de ggente che t’attacca la pippa o scrive sui gruppi de faccialibbro e nun è capace di dasse ‘na regolata nella logorrea da cui è affetta in magnera irimediabile. Maicor aspetta solo d’esse attivato, che j’arivi l’input accortellatore malefico la notte de Halloween, sò quarant’anni che j’ariva ma nun se pò move e, quinni, mo’ che pe’ un caso fortuito è de novo libberò de aggì, è caricato a pallettoni come quanno Liam Gallagher se astiene da tuitter pe’ tre settimane e poi finarmente po’ tornà a risparlà de quarchiduno dei colleghi sua. E, allora, in un crescenno de Maicor che ‘ndo passa accortella maleficamente, perché sarà pure riservato e discreto, ma quarche difetto cellà pure lui, de ggiornalisti investigativi ar posto sbajato ner momento sbajato e de polizzia che sottovaluta la carneficina; in un’arternanza de tre ggenerazzioni de Gemi Li Curtis, rigazzetti festaioli, dorcetti e scherzetti e de situazzioni sottolineate dalla celebre musichetta de Carpenter “ti-ti-ti-ti” che fa ancora la porca sua figura; in un climacs progressivo de Maicor che chissà ‘ndove e quanno ha imparato a guidà la machina, de teorie pissichiatriche nun suffragate dai fatti e de sgabbuzzini che nun se chiudeno bbene (ma chissà chi s’annisconnerà là dentro? Mah, vabbeh!), s’ariva all’epilogo nella fortezza che Gemi Li ha acchittato appositamente allo scopo e che nun dico perché pure voi dovete soffrì, mica solo io. Insomma, che ciavranno voluto dì co’ sta pellicola che ritorna indietro ner tempo, cancella tutti i sequel e va considerata come er siconno firm della SAGRA dedicata a Michelino? Probbabirmente che a Maicor je poi sparà, lo poi accortellà, lo poi brucià, je poi dì che lazziale, je poi fà de tutto, insomma e lui continua e continua e continua e continua…. E nun azzardatte a dije li morti, perché li morti sò PROPIO tutti li sua…