Un euro in più, solo un simbolo ma tangibile. La Fipsas, Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee, organizzerà a Vasto (Ch) i Giochi del Mare 2021 in collaborazione con la Regione Abruzzo, il Comune di Vasto, il Corpo delle Capitanerie di Porto, l’Asl2, la Protezione Civile, Suzuki, Neuromed e Vastarredo e, per l’occasione verrà sottolineata una iniziativa assolutamente unica nel suo genere: dai volontari agli imprenditori, dagli albergatori ai ristoratori quando saranno al femminile riceveranno un euro in più di quanto spettante. Questo perché la pandemia ha – di fatto – colpito duramente il mondo lavorativo legato alle donne più che quello legato agli uomini. L’idea di questa iniziativa è stata proposta da Sabrina Bocchino, consigliere regionale abruzzese che la ha condivisa con la Fipsas che, a sua volta, ha deciso di metterla in pratica. “I dati parlano chiaro – spiega Barbara Durante, Segretario generale della Fispas -, il covid ha provocato la perdita di centinaia di migliaia di posti di lavoro al femminile e lo sport non poteva rimanere sordo a questo grido di allarme. Ecco perché, in accordo con il Presidente Claudio Matteoli, abbiamo deciso di dare corpo ad una iniziativa simbolica capace di dare uno spicchio di luce ad un problema così grande”.

Sulla spiaggia e nel mare di Vasto, saranno due le ragazze che tenteranno un record di apnea in distanza, sarà presente la nazionale juniores al femminile di beach volley così come diverse atlete, normodotate e disabili di nuoto pinnato, beach soccer, foto e video sub, beach rugby, tennistavolo, badminton e bocce. Da segnalare che al femminile saranno anche gli arbitri delle sfide di beach volley così come i segnapunti e il numero delle volontarie supera quello dei volontari.

“Dall’Abruzzo partirà un segnale importante – spiega Sabrina Bocchino, consigliere regionale – perché è arrivato il tempo di dare voce alle problematiche legate al lavoro, all’uguaglianza di trattamento e alla sensibilità generale. In Italia il calo dell’occupazione femminile durante l’emergenza Covid è stato il doppio rispetto alla media Ue con 402mila posti di lavoro persi tra aprile e settembre 2020 di cui ben oltre la metà è al femminile e l’iniziativa della Fipsas in occasione dei Giochi del Mare di Vasto rappresenta un segnale fortissimo, una luce che si accende anche se non economicamente rilevante. Quell’euro in più ad ogni donna impegnata nella manifestazione è sintomo di orgoglio che parte dall’Abruzzo nella speranza di trovare emulatori seriali”.