La finale nazionale dell’ACI Sport Rally Cup Italia, andata in scena in occasione del recente Rally del Lazio, ha emesso i propri verdetti ed in casa Rally Sport Evolution i motivi per essere soddisfatti sono molteplici, ad iniziare da un Giampaolo Moreno Fosci, già vincitore della zona nove di Coppa Rally ACI Sport, che ha chiuso la stagione salendo sul terzo gradino del podio, quinto di classe Rally 5, affiancato alla sua destra dal giovane Mirco Valentino, condividendo la Renault Clio Rally 5 della compagine di Ranica.

“Abbiamo raggiunto l’obiettivo che ci eravamo prefissati” – racconta Fosci – “ovvero quello di terminare questo rally senza danni. È andata bene ma poteva anche andare meglio. Si poteva spingere di più ma questi sono i soliti discorsi del post gara. Ci sono stati dei brutti incidenti e potevano condizionarci dal punto di vista psicologico, non essendo più un ragazzino. Prove molto dure, difficili, due se non tre delle quali in notturna. Pioggia, nebbia ed un ricorrente passaggio di cinghiali da contorno. Abbiamo chiuso terzi tra i finalisti, grazie ad una vettura impeccabile e ad un team molto professionale. Un complimento particolare lo voglio fare al mio navigatore Mirco, un ragazzo giovane, preciso e meticoloso che farà molta strada nei rally.”

Dal finalista proveniente dalla Sardegna a due wild card locali attese alla vigilia, la prima delle quali ha concluso la due giorni laziale, tra Venerdì e Sabato, con un buon ottavo di Rally 4.

Cesare Di Giorgio, al secondo cartellino di presenza stagionale nonché al debutto sulla Peugeot 208 Rally 4, in coppia con Davide Bragaglia, è rimasto soddisfatto del suo primo ballo.

“Condizioni meteo davvero difficili” – racconta Di Giorgio – “e devo dire che non avevo mai provato situazioni di questo tipo. Pioggia, nebbia, fango, sassi, c’era di tutto. Ci voleva tanta testa ma ce l’abbiamo fatta. È stata una vittoria arrivare al traguardo ed ho potuto fare una bella esperienza su questa vettura. Mi piace tanto ed ha un grande potenziale. Il team sempre ottimo, disponibile su tutto. Ora lavoreremo per affrontare la Coppa Rally ACI Sport 2023.”


A chiudere il cerchio, di un’edizione ostica e selettiva del Lazio, è stato un ottimo Paolo Abatecola, affiancato da Lorenzo Caruso su una seconda Renault Clio Rally 5 battente bandiera bergamasca, rallentato da una foratura e da un annullamento di speciale fatali.

Per la seconda punta di casa un positivo terzo posto in classe Rally 5, con un po’ di amaro.


“Gara pesante per le condizioni del meteo” – racconta Abatecola – “ma, tutto sommato, è andata bene dai. Peccato per il Venerdì, abbiamo forato sulla seconda Terelle ed abbiamo dovuto rimboccarci le maniche per cercare di recuperare. È stato un autentico terno al lotto con le gomme ma, sfruttando la prova di casa, siamo riusciti a portarci di nuovo sotto. Pensavamo di giocarcela all’ultima speciale ma è stata annullata. Grazie a Gaetano, a Giuseppe e Luigi per il loro lavoro. Grazie a Claudio ed alla Rally Sport Evolution. Ci rivedremo a Ceccano.”

Articolo precedenteCalcio, Colleferro, Eccellenza, Oduamadi: “Importante vincere a Vicovaro per rimanere in scia”
Prossimo articoloCalcio, Atletico Lariano, Promozione, Centra: “Avvio molto soddisfacente, ma c’è da lavorare”