A Marina di Ravenna si è svolta la fase finale della Coppa Italia targata LIFF (Lega Italiana Flag Football), torneo che ha visto trionfare i Refoli Trieste dopo una giornata molto intensa e con cinque delle sei squadre in gara a segno in almeno una partita, a dimostrazione dell’alto livello di questa manifestazione, vera anteprima dello spettacolo che ci regaleranno i Campionati di Prima e Seconda Divisione, in programma a partire dal 10 e 11 settembre.

Sorpresa di giornata gli Hedgehogs Boschetto, arrivati sul terzo gradino del podio dall’ultima posizione del ranking e battendo nella finale per il terzo e quarto posto i Red Tigers Ortona, sino a quel momento imbattuti e favoriti per la vittoria finale. Menzione speciale anche per i Warriors Bologna, quinti classificati, squadra piena di ottimi atleti e capace di esprimersi ad altissimi livelli, mostrando di avere un importante potenziale in vista della stagione che andrà ad iniziare. Molto bene anche gli Hunters Roma, unico team a non riuscire a vincere nessuna delle tre sfide in programma, ma decisamente competitivo e capace di mettere in difficoltà tutte le avversarie, inclusi i quotatissimi Arona 65ers che hanno vinto ma di misura lo scontro diretto. Tante e forse troppe le assenze, invece, tra le fila dei Red Tigers Ortona, come detto arrivati da imbattuti al Final Bowl ma sicuramente ‘sottodimensionati’ per poter ambire al podio di questa Coppa Italia. Un po’ di delusione per loro, con la finale per il terzo posto persa in malo modo.
Secondi classificati gli Arona 65ers, arrivati a Marina di Ravenna in 7 e, nonostante le tantissime assenze, in grado di dare del filo da torcere a tutti, arrivando ancora una volta a disputare una finale. Finale che hanno anche ‘rischiato’ di vincere, con la trasformazione da due punti sul finale di partita che avrebbe sancito il pareggio e, dunque, la necessità di andare all’overtime che non è andata a buon fine. Onore ai Refoli Trieste, dunque, squadra con il roster più completo e con una sola sconfitta alle spalle, quella in apertura di questa fase finale proprio contro Arona, “bestia nera” dei triestini anche durante la regular season.