A pochi giorni dalla chiusura delle iscrizioni alla gara promozionale di indoor rowing “Challenge Filippo Mondelli”, organizzata con lo scopo di raccogliere fondi da destinare all’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna, e a meno di due settimane dall’intitolazione del Teatro Fiamme Gialle “Filippo Mondelli”, che avverrà a Sabaudia il 29 aprile, abbiamo raccolto alcune riflessioni dei compagni di barca di Filippo. Insieme a lui, Giacomo Gentili, Andrea Panizza e Luca Rambaldi sono stati i protagonisti del Titolo Mondiale e di quello Europeo in “quattro di coppia” del 2018 e della qualificazione olimpica dell’anno seguente. Un equipaggio tutto Fiamme Gialle che oltre a permetterci di sognare, ha sancito il ritorno dei “Cavalieri delle Acque”.

Così il capovoga Giacomo Gentili nel ricordo del suo amico e prodiere Filippo: “Pippo è stato il mio prodiere per ben 4 anni. La nostra grande determinazione e la voglia di affermarci ha fatto si che gli anni insieme li abbiamo trascorsi tra numerose liti e solamente alcuni momenti tranquilli…ripensandoci credo che quelle liti siano state il segreto che ci ha portato alla vittoria! Filippo aveva una grande qualità, quella di saper incassare. Gli potevi dire di tutto e di più, lui stava lì e andava per la sua strada, non si faceva scalfire da niente e da nessuno e non mollava mai. Sono molto contento che le Fiamme Gialle abbiano deciso di intitolare il Teatro Fiamme Gialle a Filippo che resterà per sempre nei nostri cuori. La gara di indoor rowing Challenge “Filippo Mondelli” è una bellissima iniziativa che darà la possibilità a tutti quelli che vorranno di contribuire alla raccolta fondi da destinare all’Ospedale Rizzoli di Bologna, ospedale che ebbe in cura proprio Pippo”

Andrea Panizza, il più piccolo dell’equipaggio, parla del suo “fratellone”: “per me Pippo è stato come un fratello maggiore. Dal momento che sono entrato in Squadra Olimpica, mi ha sempre trattato come se fossi il suo fratellino, mi aiutava nei momenti di difficoltà, si preoccupava sempre per me e c’è sempre stato quando avevo bisogno. È stato un esempio per tutti per via del suo carattere d’oro e per il modo in cui affrontava ogni allenamento, competizioni o momenti difficili. Il 29 aprile 2022, a un anno esatto dalla sua scomparsa, sarà emozionante partecipare all’intitolazione del Teatro Fiamme Gialle “Filippo Mondelli”, una delle iniziative che le Fiamme Gialle hanno messo in atto per ricordarlo, come la “Challenge Filippo Mondelli” gara di indoor rowing organizzata a scopo benefico. Tutto questo per omaggiare un campione sia nello sport che nella vita”.

Luca Rambaldi, insieme vinsero il bronzo nel “doppio” ai Mondiali di Sarasota nel 2017, la prima medaglia “pesante” di Filippo: “Filippo per me è stato il compagno di molto avventure e anche se su molti aspetti eravamo i due opposti, un po’ come il giorno e la notte, abbiamo imparato molto l’uno dall’altro. Da canottiere, con il suo approccio al lavoro e alla fatica, mii ha indicato la via giusta da seguire per ottenere i successi sperati. Anche durante la malattia è riuscito a dare l’esempio con la sua mentalità e la sua tenacia nel non arrendersi mai. In quella situazione è’ riuscito a trovare la forza per insegnare ai ragazzini a remare e seguirli durante gli allenamenti. Penso che la Challenge “Filippo Mondelli” organizzata dalle Fiamme Gialle, la seconda famiglia di Filippo, sia il modo migliore per ricordare il campione che era in occasione del primo anniversario dalla sua scomparsa. La mia speranza è che questa Challenge sia la prima edizione e che venga ripetuta annualmente per mantenere vivo il suo ricordo”.

Articolo precedenteSci, il laziale Riccardo Allegrini secondo nel gigante Fis di Val d’Isere
Prossimo articoloI judoka Fisdir in arrivo a Ostia