Alex Zanardi
Alex Zanardi

Si è chiusa con la partecipazione di Alex Zanardi la seconda edizione del Festival della Cultura Paralimpica, iniziativa promossa dal Comitato Italiano Paralimpico che si è svolta a Padova in collaborazione con l’Universita degli Studi di Padova, il Comune di Padova e il Centro Servizio Volontariato di Padova. Tre giorni di incontri, mostre, dibattiti storie con al centro lo sport come strumento di inclusione e per il cambiamento della percezione della disabilità nel Paese. Migliaia di persone e di studenti hanno affollato le sale di Palazzo Bo, Palazzo Moroni, caffè Pedrocchi e la
Cittadella dello Studente.

Grande successo per la mostra con le fotografie di Oliviero Toscani, promossa dal Cip e realizzata in collaborazione con Fabrica, laboratorio creativo fondato dallo stesso Oliviero Toscani. Migliaia di persone hanno visitato la mostra ‘Naked. La disabilità senza aggettivi’ che ritrae 12 campioni Paralimpici in tre diverse pose.

“È stata un’edizione straordinaria con iniziative di grande qualità e grande partecipazione di pubblico. Merito dei magnifici atleti paralimpici che con le loro storie hanno fatto cultura; della città di Padova, che ci ha accolti con entusiasmo e calore, dell’Università degli Studi di Padova che ha aperto le proprie porte a tutti noi, mettendo a disposizione sapienza e competenza; del Centro Servizio Volontariato che si è attivato per garantire accoglienza e assistenza a tutti, dei nostri partner presenza importante nella vita del nostro Comitato. Un ringraziamento speciale, ancora una volta, va a Oliviero Toscani che con sensibilità e maestria ci ha offerto uno sguardo inedito sul nostro mondo”. È quanto dichiara Luca Pancalli, Presidente del Comitato Italiano Paralimpico.

“Abbiamo riaffermato tutti insieme l’importanza di considerare lo sport come diritto universale. Abbiamo piantato un nuovo seme per la trasformazione culturale del nostro Paese. Speriamo possa dare ancora una volta frutti rigogliosi”, conclude Pancalli.