Jimmy Maini in visita alla mostra con l'organizzatore Massimo Minicucci
Jimmy Maini in visita alla mostra con l'organizzatore Massimo Minicucci

Dopo tre settimane, ed oltre 10000 visitatori, domenica 27 gennaio chiuderà i battenti la mostra “In viaggio con la storia del calcio”, evento allestito da AICS al Litus Roma Hostel di Ostia dove sono stati esposti oltre 3000 reperti che hanno fatto la storia del calcio mondiale. Le maglie autentiche di campioni del calibro di Cruijff, Maradona, Pelé e Falcao, palloni e scarpini autentici dai primi anni del ‘900 ad oggi, coppe e trofei, e naturalmente due sezioni, che hanno raccolto i consensi dei visitatori, dedicate alla Roma e alla Lazio.

Istituti scolastici, scuole calcio appassionati di football provenienti da tutta la regione hanno invaso le sale ed i corridoi dell’esposizione ed hanno seguito con attenzione le visite guidate organizzate per spiegare tutti i segreti delle meraviglie in mostra.

Molti anche i calciatori che non si sono voluti perdere l’emozione di ritrovare, tra storiche divise di gioco e fotografie, le sensazioni provate sui campi. L’ultimo in ordine di tempo è stato Jimmy Maini, funambolico prodotto del vivaio della Roma che in carriera, oltre a vestire la maglia azzurra dell’Under 21 e della nazionale maggiore, ha indossato quelle di Milan, Parma, Bologna, Ascoli, Vicenza Lecce ed Ancona, una lunga carriera ad alto livello fra serie A e serie B.

Maini ha visitato “In viaggio con la storia del calcio” insieme ai ragazzi della scuola calcio Jem’s Soccer Academy.

La mostra, con ingresso gratuito, sabato 26 e domenica 27 sarà aperta dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.30 alle 19.00