Joel Bacci e Mauro Sacripanti
Joel Bacci e Mauro Sacripanti

I campionati studenteschi hanno da sempre un sapore speciale per Joel Bacci e Mauro Sacripanti. Due storie diverse, due generazioni diverse. Con una grande passione in comune chiamata “pallavolo”, nata e cresciuta proprio tra i banchi di scuola, fino ad arrivare in Serie A.

Durante le finali del torneo di volley organizzato dalla FIPAV Roma e dal MIUR (Falcone Grottaferrata, Marta Russo, Morgagni e L. Da Vinci Fiumicino i vincitori) il palleggiatore della Roma Volley e lo schiacciatore della Ceramica Scarabeo GCF Roma hanno incontrato gli studenti di medie e superiori, raccontando la loro storia prima di consegnare medaglie e coppe. “Credete nei sogni perché non sono fatti per restare chiusi in un cassetto – questo il messaggio di Sacripanti – mi sento ancora uno di voi e vi dico: la pallavolo è uno sport meraviglioso e questi tornei scolatici la fanno scoprire in tutti i suoi aspetti positivi”. Sacripanti è uno specialista delle competizioni di pallavolo scolastiche: ha vinto i campionati studenteschi, poi 4 volte il Volley Scuola fino ad arrivare all’oro nel campionato italiano U21 di beach volley. Ora milita in Serie A2: “Scuola e pallavolo sono un binomio vincente – ha detto il ragazzo classe ’98 – ho ricordi bellissimi di tutte le partite, le esultanze e i momenti condivisi con i compagni di classe”.

Anche la storia di Bacci è a dir poco simbolica. Joel, romano doc, ha scoperto la pallavolo ai tempi delle medie nella scuola Cicerone grazie alla prof. Anna De Santis, un’insegnante che ha fatto nascere in lui il sacro fuoco del volley proprio durante i Campionati Studenteschi. Joel ne ha fatta di strada per continuare a vivere questo grande sogno: da Velletri fino a Latina, fino ad arrivare a Pomezia e poi girare l’Italia in lungo e in largo tra Serie A1 e A2. Anna e Joel si sono persi di vista, ma non si sono mai dimenticati. Ed ecco che i Campionati Studenteschi 2018 li hanno fatti ritrovare. Un lungo abbraccio, tra sorrisi ed emozioni, prima di scambiarsi ricordi e aneddoti. La prof ha portato con sé le foto di Bacci studente, il suo primo tesseramento e il libretto delle giustificazioni. Joel l’ha omaggiata con un mazzo di fiori ed entrambi sono stati a lungo applauditi durante le premiazioni. “È bellissimo essere qui in mezzo a voi oggi – ha detto il palleggiatore classe ’80 della Roma agli studenti – Complimenti per il gioco che avete espresso e per l’impegno che non è mai mancato. Vi auguro un futuro ricco di soddisfazioni nello sport e nella vita e magari di raccontare un giorno ad altri studenti la vostra storia, quella di un ragazzo che grazie alla scuola e alla pallavolo è diventato un uomo”. Joel e Mauro, testimonial per un giorno e campioni per sempre. La pallavolo nelle scuole fa nascere e alimenta bellissime passioni. Qualche volta sono talmente grandi che portano fino alla serie A.