Fine settimana a dir poco adrenalinico per i portacolori di Xmotors Team, reduci da una Cronoscalata Pedavena – Croce D’Aune che ha saputo regalare forti emozioni, sia per le vittorie sfiorate, sul filo di lana, che per una cocente delusione.

Tre erano i piloti, tutti locali, schierati dalla scuderia di Maser nell’appuntamento valevole per il Campionato Italiano Velocità Montagna e per il Trofeo Velocità Montagna, in zona nord.

Occhi puntati sul protagonista stagionale della velocità in salita per la compagine trevigiana, Denis Mezzacasa, che ha saputo andare ben oltre le aspettative della vigilia, in una trasferta che lo doveva vedere giocare in difesa su Pedrotti e che invece lo ha visto primeggiare in gara 1, per ventotto centesimi, e chiudere secondo, per settantotto centesimi, nella salita decisiva.

Il pilota di La Valle Agordina, alla guida della consueta Formula Renault 2000 curata dal team Aralla, si è visto sfuggire la vittoria in casa per cinque decimi, chiudendo secondo di classe E2SS2000 e consolandosi con la quinta posizione di gruppo E2SS e con il nono assoluto.

Un altro, significativo, mattone posato nella costruzione di un titolo tricolore che si avvicina.


“Da una parte una gara quasi perfetta” – racconta Mezzacasa – “ma dall’altra girano le scatole perchè perdere la gara di casa per cinquanta centesimi, sulla somma dei tempi, rode parecchio. Puntavamo a contenere Pedrotti, per la differenza di cavalleria, ed invece siamo riusciti a vincere gara 1. I ragazzi del Team Aralla hanno fatto una magia, modificando l’assetto a prove finite e trovando la giusta quadra per la Domenica. Sul bagnato di gara 2 siamo andati molto bene ma, sul secondo tornante, ho pizzicato con l’anteriore e sono poi salito evitando rischi inutili. Potevamo colmare il distacco? Si ma va benissimo così. Grazie di cuore anche ad Xmotors Team ed a tutti i partners che ci sostengono. Il nostro obiettivo è sempre più vicino.”

Appuntamento di casa da dimenticare per Alex D’Agostini, costretto al ritiro per cedimento del motore della sua Skoda Fabia R5, targata Motor Team, a due tornanti dal fine di gara 1.

Per il pilota di Pedavena una delusione importante, su strade che non si sono rivelate amiche.

Risultato al fotofinish anche per un Manuel De Paoli dimostratosi a proprio agio sul bagnato.

Il pilota di Feltre, alla guida di una Peugeot 106 Rallye di gruppo A, archiviava la prima tornata al terzo posto di classe, incassando oltre dodici secondi dal leader, ma si rifaceva prontamente con l’arrivo della pioggia, sbaragliando la concorrenza e firmando la migliore prestazione.

Beffato dalla sommatoria dei tempi, alla fine secondo di ProdE1600 per novantotto centesimi, il portabandiera del sodalizio trevigiano ha potuto consolarsi con il terzo in gruppo ProdE.

“La nostra 106 si è adattata molto bene alla tipica pioggia estiva di fine stagione” – racconta De Paoli – “e sono rimasto molto soddisfatto del risultato perchè è andato oltre le nostre aspettative. Alternarsi tra la guida sull’asciutto e quella sul bagnato non è stato facile ma sono molto contento. Vorrei ringraziare, di cuore, il team perchè è stato sempre disponibile e pronto. Grazie anche alla scuderia Xmotors Team, a tutti i partners ed agli amici che han tifato per me.”